Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Il ritorno delle famiglie ai consumi Ma l’86% pensa ancora al risparmio

Più fiduciosi, anche se con moderazione perché la fine della crisi «è ancora lontana», almeno altri 4 anni e mezzo. Ma le famiglie italiane tornano a spendere. Risparmiano un po’ meno per consumare un po’ di più. Certo, non tantissimo, ma i dati del rapporto Acri-Ipsos 2017 realizzato per la 93ma Giornata mondiale del risparmio fanno ben pensare, tanto da evidenziare un «lento ritorno alla normalità» con «un atteggiamento più tranquillo e fiducioso nel futuro». «Così come stiamo uscendo dalla crisi economica gli italiani stanno uscendo da una situazione psicologica negativa — spiega il presidente Acri Giuseppe Guzzetti —, c’è un avvicinamento verso una condizione di normalità».

Intanto, anche se il 64% degli intervistati non si attende cambiamenti della propria situazione economica, il 22% si dice comunque «fiducioso» contro un 12% di «sfiduciati». E il 56% si dice soddisfatto, contro il 61% del 2016. Calano le famiglie colpite direttamente dalla crisi, meno di una su 5: 19% contro il 28% del 2016.

Ma c’è un’Italia divisa: con il 69% dei soddisfatti nel Nord-Ovest (+16%) e il 64% nel Nord-Est. Ma al Centro e al Sud la soddisfazione è in calo rispetto al 2016: 52% e 43%. I giovani tra i 18 e i 30 anni mantengono il loro ottimismo anche se meno del 2016 (+18% contro il 26%); mentre la fascia 31-44 anni registra il maggior aumento di fiducia: + 19% (erano il 10% nel 2016). E se gli italiani tra i 45 e i 64 anni sono ancora ottimisti (+7%), gli over 65 invece sono meno fiduciosi: -6%. «Il divario Nord-Sud — dice Guzzetti — viene fuori con evidenza», perciò le ricette di politica economica «devono porre al centro il Sud e i giovani in particolare, visti i tassi di disoccupazione al 60%».

L’aumento della fiducia si traduce anche in una lieve crescita dei consumi e in una riduzione del risparmio. Lo spiega ancora Guzzetti: «Non c’è più l’ansia di risparmiare dato che aumentano i consumi». Per l’86% degli intervistati resta la propensione al risparmio, ma per quasi uno su due (49%) non deve essere frutto di rinunce. E infatti nel 2017 il 37% ha dichiarato di non aver risparmiato negli ultimi 12 mesi e il 12% ha preferito «godersi la vita». Se settori come viaggi, cultura (cinema, teatro, libri), vestiario e cura della persona continuano ad aver saldi negativi, pur registrando un calo delle contrazioni sul 2016, la spesa per telefonia e medicine resta sempre positiva: +12% per i cellulari e +35% per i farmaci acquistati.

Per quanto riguarda le modalità di risparmio, per 2 italiani su 3 la liquidità resta elevata e chi investe lo fa solo con una piccola parte dei propri risparmi. L’investimento ideale? Per un italiano su tre non esiste (33%). Gli altri scelgono gli immobili (31%) o strumenti finanziari più sicuri (29%).

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Come se fossimo tornati indietro di sei mesi, il governo si divide tra chi vuole subito misure anti-...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Arriva la firma del premier Conte al decreto di Palazzo Chigi che autorizza la scissione degli 8,1 m...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Doppia proroga della cassa integrazione per l’emergenza Covid-19 per assicurare la copertura fino ...

Oggi sulla stampa