Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Ritardi aerei, indennizzo con il biglietto

Come va chiesto il risarcimento quando l’aereo atterra in ritardo? Non è il passeggero che deve dimostrare l’inadempimento del vettore. Anzi: l’utente può limitarsi a provare la fonte negoziale del suo diritto, per esempio depositando il biglietto in giudizio, mentre la responsabilità della controparte si presume. E dunque sta alla compagnia documentare che il ritardo rientra entro le soglie di tolleranza del regolamento Ue oppure che l’inadempimento c’è stato ma dipende dal caso fortuito e dalla forza maggiore. È quanto emerge dall’ordinanza 1584/18, pubblicata il 23 gennaio dalla terza sezione civile della Cassazione.

Discipline compatibili

Accolto il ricorso del viaggiatore che dopo il ritardo del volo Berlino-Roma ha perso la coincidenza per Palermo. Sbaglia il tribunale in veste di giudice d’appello a negare la compensazione pecuniaria di 400 euro richiesta a carico della compagnia low cost, e ciò sul rilievo che spetterebbe al passeggero provare e non semplicemente allegare che il volo ha subito un ritardo. A regolare la materia sono il regolamento Ce 261/04 e la convenzione di Montreal: le discipline sono compatibili e applicabili in modo congiunto. Entrambe si fondano sul principio secondo cui la responsabilità del vettore si presume. E ciò sia sull’adempimento inesatto, cioè l’arrivo in ritardo rispetto all’orario previsto, sia dell’inadempimento, vale a dire l’imbarco negato o la cancellazione del volo.

Fatto estintivo

Il punto è che né il regolamento né la convenzione contengono una regola specifica sull’onere della prova. E dunque bisogna fare riferimento ai criteri ordinari ex articolo 2697: spetta allora al debitore convenuto dimostrare il fatto estintivo della pretesa del creditore costituito dall’avvenuto adempimento. La soluzione è conforme al principio di prossimità della prova: il viaggiatore può dimostrare il ritardo del volo al massimo fotografando il tabellone dell’aeroporto, mentre la compagnia ben conosce l’orario esatto in cui il velivolo è atterrato perché ogni collegamento risulta tracciato dall’autorità aeroportuale (la soglia di rilevanza del ritardo è legata alla lunghezza delle tratte: per esempio almeno due ore per viaggi sotto i 1.500 chilometri). Parola al giudice del rinvio.

Dario Ferrara

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Con un’accelerazione tipica delle fasi critiche il sistema bancario sta ridefinendo la sua nuova g...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Siamo poco in ritardo » nella stesura del Recovery Plan italiano. Il premier Giuseppe Conte ammet...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Tre anni di pressoché continua crescita di dividendi globali andati in fumo in un colpo solo, in qu...

Oggi sulla stampa