Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Risveglio dei consumi, a luglio +2,1%

Dopo anni di crisi e di recessione, gli italiani tornano a spendere: a luglio, secondo i dati diffusi ieri dalla Confcommercio, i consumi sono saliti dello 0,4% rispetto a giugno e del 2,1% su base tendenziale. Numeri così positivi non si registravano dal 2010. 
Il premier, Matteo Renzi, commenta su Twitter: «La crescita dei consumi registrata da Confcommercio è un altro segno che finalmente l’Italia riparte». «La crescita c’è – sottolinea Carlo Sangalli, presidente dell’associazione di categoria -. C’è un risveglio dei consumi, ma la prudenza è d’obbligo». Per questo la Confcommercio propone al governo di trasformare la ripresa «in una crescita robusta, duratura e diffusa» attraverso «il taglio della spesa pubblica improduttiva». Con quelle risorse «si potrà abbattere il carico fiscale su famiglie e imprese». Sangalli non dimentica, però, che nei primi sei mesi dell’anno hanno abbassato le saracinesche «35 mila negozi» e perciò sollecita Palazzo Chigi a inserire «nella legge di Stabilità 2016 un taglio delle aliquote Irpef e la totale deduzione dell’Imu sugli immobili delle imprese, inclusi alberghi e negozi».
Si spende di nuovo perché «la fiducia è ai massimi storici», spiega il direttore del Centro studi dell’organizzazione, Mariano Bella. Entrando nel dettaglio, in base all’indicatore dei consumi di Confcommercio, a luglio rispetto allo stesso mese del 2014, ci sono significativi balzi in avanti per i beni e servizi per la mobilità (+8,8%) e per le comunicazioni (+5,1%) cioè telefonini e tablet. Pure il turismo rialza la testa, perché la gente ha messo mano al portafoglio spendendo in alberghi, pasti e consumi fuori casa (+2,0%), nonché per l’abbigliamento e le calzature (+0,8%). Progressi ridotti all’osso, invece, per il comparto della cura della persona (+0,3%) e nell’ambito ricreativo (+0,1%), mentre l’unico segmento ancora con il segno negativo su base annua è quello della spesa per alimentari, bevande e tabacchi (-0,2%). In questo scenario dal Centro studi fanno anche notare che permangono i problemi di credito: infatti il volume di quelli concessi da banche e istituti finanziari a privati (sommando famiglie e imprese), secondo la Confcommercio, è negativo: -0,7 punti% a luglio scorso se paragonato al luglio 2014.
L’associazione di categoria conferma le previsioni sul Prodotto interno lordo (+1,1% nel 2015 e +1,4% nel 2016). Numeri vicini a quelli del commissario alla Spending review , Yoram Gutgeld, secondo il quale l’economia italiana potrebbe chiudere l’anno con una crescita del Pil dello 0,9%. «Ci sta lavorando il Tesoro. – precisa – È possibile». E il taglio dell’Ires, programmato nel 2017, potrebbe essere attuato «già nel 2016 per il Sud». Ma il segretario della Cgil, Susanna Camusso, non è ottimista: «Sono tutti segnali, ma non siamo nemmeno lontanamente vicini ai livelli pre-crisi».

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Maximo Ibarra ha rassegnato le sue dimissioni da Sky Italia per diventare amministratore delegato e ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Non cede all’ottimismo il ministro dell’Economia Daniele Franco che punta l’indice sui due pun...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

In punta di diritto: la contrarietà a un giudicato nazionale, nel contesto del giudizio di ottemper...

Oggi sulla stampa