Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Risse e record: l’assemblea della banca di Bankitalia

Si ritroveranno a migliaia il 27 aprile i soci della banca più solida ed esclusiva del Paese, una popolare con voto capitario, praticamente sconosciuta eppure tra le 7-8 più rilevanti per attivo (4,4 miliardi). È una sorta di club per soli dipendenti (6.885) e pensionati della Banca d’Italia. Il bilancio 2016 della «Cassa di Sovvenzioni e Risparmio fra il personale della Banca d’Italia» (Csr) si è chiuso con un utile di 19,7 milioni, in calo rispetto ai 28 dello scorso anno quando già l’elevato costo della raccolta aveva eroso i margini. Ma il prezzo dell’azione, fissato a tavolino come in tutte le popolari non quotate, crescerà da 36,57 a 37,23 euro. All’assemblea di aprile due liste sindacali si contrappongono per il rinnovo del cda da cui esce l’attuale presidente, Giovanni Castaldi ( foto ), ex capo dell’Uif, il dirigente della Vigilanza che insieme al collega Claudio Clemente tentò di bloccare Gianpiero Fiorani, protetto dall’allora governatore Antonio Fazio. La Csr (3,1 miliardi di raccolta 2015, 931 milioni di impieghi) è un esempio di solidità ma non un’oasi di pace. Ha quasi 600 milioni di patrimonio netto (2015) e un minuscolo 0,1% di crediti deteriorati sugli impieghi. Del resto presta denaro solo ai soci-clienti targati Via Nazionale. I parametri patrimoniali sono lunari: 49% il Cet1 2015 ma in netto calo. Questa banca dentro Bankitalia (sportelli nelle 39 filiali e 52 dipendenti distaccati e pagati da Palazzo Koch) è reduce da anni di contrasti e veleni. Per esempio le cause civili di ex consiglieri e dell’ex presidente Punzo sulle nomine del cda; o i sospetti su vendite speculative di azioni operate da un consigliere. Erano più di 8mila un anno fa in assemblea e 713 avevano votato contro il bilancio. La prossima assemblea dirà se, finalmente, Csr avrà ottemperato agli adeguamenti chiesti da Bankitalia al termine di un’ispezione nel lontano 2012. L’«inadeguatezza dei presidi di controllo» (così scrivevano i sindaci nel 2016) è piuttosto anomala in un contesto dove il personale è esclusivamente targato Bankitalia. Gli stipendi del cda sono bassi, 150mila euro tutto compreso. Viaggi e trasferte hanno un rigido tariffario: aerei in classe economica, treni prima classe, massimo 50 euro a pasto e 260 per l’hotel.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Ai due estremi ci sono Generali e Unicredit: promossa a pieni voti la prima (almeno dagli investitor...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La pace con Vivendi in Piazza Affari vale 35 milioni di capitalizzazione. Dopo una fiammata in avvio...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

er la prima volta da molti anni un rialzo dei tassi d’interesse si affaccia negli scenari della po...

Oggi sulla stampa