Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

«Risparmio, motore della crescita Sui conti correnti serve una svolta»

Consumi al palo e zero investimenti ma soprattutto moltissima liquidità accumulata dalle famiglie con i risparmi ormai verso due mila miliardi di euro. Una cifra che, secondo Carlo Alberto Carnevale Maffè, è più che altro il prezzo della paura degli italiani. Si è tenuto ieri un altro appuntamento digitale de «L’Italia che investe», il format creato da Corriere.it e moderato dal vicedirettore Daniele Manca che ieri aveva come ospiti il professore di Strategia dell’Università Bocconi di Milano Maffè e l’amministratore delegato di FinecoBank Alessandro Foti.

L’anno scorso, in piena emergenza Covid, le riserve degli italiani sono aumentate di oltre 133 miliardi (+7%), dai 1.823 miliardi di dicembre 2019 ai 1.956 miliardi di dicembre 2020. È cresciuta, in particolare, la liquidità sui conti correnti, con il saldo totale arrivato a 1.348 miliardi, in aumento di oltre 166 miliardi (+14%) in 12 mesi.

Anche le aziende hanno fermato gli investimenti: i loro salvadanai, secondo i dati principali di un’analisi del Centro studi di Unimpresa, sono saliti di quasi 74 miliardi (+24%), arrivando a quasi 385 miliardi; mentre quelli delle famiglie sono cresciuti di 66 miliardi (+6%), arrivando a 1.109 miliardi e quelli delle imprese familiari hanno registrato un saldo positivo di 11 miliardi (+18%), fino a 75 miliardi. Una tendenza, quella dell’accumulo, tipica italiana. «È un’abitudine che gli italiani hanno sempre avuto — ha spiegato ieri Foti —. Ma la perdita di opportunità a cui siamo andati incontro è pazzesca. Il modello americano ha una propensione al risparmio basso e consumo alta, al contrario di quello italiano. Il risultato è che i risparmiatori americani sono diventati più ricchi mentre invece noi no. Dobbiamo cominciare a gestire il risparmio in maniera moderna ed efficiente. Ed è molto importante perché possiamo creare le condizioni per un futuro migliore». Dello stesso parere anche Carnevale Maffè: «Usciamo da questo clima di volontà di flagellazione perché se c’è una certezza è che nei prossimi 12-24 mesi il mondo non ha alternativa e non può che crescere. I cicli industriali sono stati riavviati, è cambiato il modello di consumi, è cambiato il mondo e stare alla finestra a vedere il mondo che cambia accettando di perdere soldi significa perdere un’opportunità».

Ma a pesare su questa scelta c’è senz’altro la percezione del rischio. «Gli italiani, a rischio di guadagnare qualcosa, preferiscono la certezza di perdere qualcosa» ha aggiunto Maffè riferendosi ai tassi pari a zero sui conti corrente e al rischio inflazione. Gli effetti dell’inflazione infatti possono essere osservati da due punti di vista: l’erosione del potere d’acquisto del patrimonio nel corso del tempo e poi l’aumento dei prezzi. Non investendo i propri risparmi poi, hanno spiegato gli ospiti, si rischia non solo di non farli fruttare nel tempo, ma di accumulare una perdita sicura. «Ovviamente dietro questa scelta — hanno aggiunto — si nasconde la diseducazione finanziaria, la paura, ma se pensiamo che l’Europa ci sta prestando 200 miliardi ed è un decimo di quello che abbiamo sui conti correnti, capiamo anche subito che avremmo la forza da soli di poter ribaltare e far cambiare subito questo paese».

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Ai tempi delle grandi manifestazioni contro la stretta cinese, le file degli studenti di Hong Kong a...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

L’ingresso nel tempio della finanza tradizionale pompa benzina nel motore del Bitcoin. Lo sbarco s...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

L’Internet super-veloce e la fibra ottica sono un diritto fondamentale, costituzionale, che va ass...

Oggi sulla stampa