Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Riscossione soltanto con il ruolo

di Ferruccio Bogetti

La riscossione dell'imposta di registro contenuta negli atti di rettifica divenuti definitivi passa per il ruolo e non per gli avvisi di liquidazione. Con la conseguenza che i tempi a disposizione per la riscossione sono più brevi e, se non rispettati, fanno decadere la pretesa erariale. Sono questi i principi espressi dalla Cassazione nella sentenza n. 3956/11, che ha ritenuto inammissibile il ricorso presentato dall'amministrazione finanziaria.

Il caso

All'origine della vicenda un contenzioso tra nove contribuenti e l'allora ufficio del registro relativo a un avviso rettifica per registro e Invim. L'atto veniva impugnato, ma la Ctp nel 1998 rigettava il ricorso. I contribuenti non presentavano appello e la sentenza favorevole al fisco diventava definitiva nel 1999. L'erario, sulla scorta della sentenza passata in giudicato, notificava nel luglio 2002 un avviso di liquidazione. I contribuenti si opponevano ricorrendo in Ctp. La contestazione riguardava modalità e tempi della riscossione. A loro avviso, l'erario avrebbe dovuto formare un ruolo invece dell'avviso e l'atto andava notificato entro il 31 dicembre del secondo anno anziché entro il terzo anno successivo a quello in cui la sentenza era diventata definitiva.

In pratica, a fronte di un avviso di rettifica diventato definitivo nel 1999, il termine ultimo per la notificazione del ruolo sarebbe stato il 31 dicembre 2001 e (durante) il 2002 per l'avviso di liquidazione. Questa tesi veniva però rigettata dalla Ctp mentre la Ctr dava ragione ai contribuenti. A questo punto, l'amministrazione finanziaria ricorreva in cassazione.

I giudici di legittimità, però, confermavano il giudizio di secondo grado sia sulla corretta identificazione del tipo di atto da utilizzare per la riscossione sia per i termini applicabili.

I profili

In riferimento al primo profilo, si deve rilevare come la normativa dell'imposta di registro, applicabile anche alle altre imposte indirette, e la normativa della riscossione, si siano accavallate nel tempo. Tuttora, secondo il Tur (Testo unico del registro), sarebbe ancora possibile notificare un avviso di liquidazione entro tre anni dalla sentenza definitiva. La vecchia legge sulla riscossione, vigente dal 1° marzo 1988 al 1° luglio 1999, prescriveva, in caso di omesso pagamento dell'avviso di liquidazione, la successiva formazione del ruolo. La nuova norma sulla riscossione, a partire dal 1° luglio 1999, ha però annullato l'avviso di liquidazione, lasciando aperta solo la strada del ruolo. Questo era l'atto da formare.

Sotto il profilo della tempistica della notifica, il termine da applicare era quello del 31 dicembre successivo a quello del secondo anno in cui l'avviso di rettifica si era reso definitivo. L'erario aveva superato questo termine e il ricorso veniva rigettato. Veniva così confermata la precedente giurisprudenza di legittimità (sentenze 8471/09 e 1921/08, di segno contrario invece la 2512/09).

L'applicazione all'Iva

In precedenza, la Cassazione era stata chiamata a giudicare in relazione all'applicazione anche all'Iva del Dpr 602/73 sulla riscossione, riservato originariamente alle sole imposte sui redditi (sentenze 5253/07; 4138/09). Fino al 31 dicembre 1997 gli uffici provinciali Iva potevano incassare direttamente tramite i propri servizi autonomi di cassa. Ma per il periodo 1° gennaio 1998-1° luglio 1999 anche a loro, come per gli uffici del registro, era lecito formare due distinti atti, avviso e ruolo.

Il giudicato esterno

Ritornando invece alla sentenza 3956/11, la Corte ha dichiarato inammissibile il ricorso per formazione di giudicato esterno. L'erario, sulla scorta della prima sentenza che la Commissione tributaria provinciale competente aveva reso nel 2003 confermando la legittimità dell'avviso di liquidazione, aveva formato il ruolo. Ma, di fatto, il ruolo risultava essere illegittimo in quanto, nel frattempo, il collegio tributario d'appello aveva annullato l'avviso di liquidazione, che era il presupposto su cui il fisco aveva proceduto all'iscrizione.

 

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Torna l’incubo della crescita sotto zero, con l’Europa che teme di impiantarsi nuovamente nel qu...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il chief executive officer uscente di Ubs, il ticinese Sergio Ermotti, saluta la banca con cifre del...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Le quotazioni di Borsa di Mediobanca a ottobre si sono attestate a 6,88 euro di media con scambi gio...

Oggi sulla stampa