Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Ripresa a passo lento per le Pmi

di Francesca Barbieri

Avanti adagio. La piccola impresa italiana vede la luce in fondo al tunnel della crisi, ma il cammino verso la meta è a passo di lumaca. È questo lo scenario delineato dall'Osservatorio congiunturale di Fondazione impresa che ha messo sotto la lente trend e previsioni su fatturato, export, occupazione e investimenti.

«Le piccole aziende sono ancora nel vortice della recessione – osserva Cristiana Cama, ricercatrice di Fondazione impresa -: ordini, fatturati ed esportazioni aumentano, ma di poco, mentre resta la scia pesante della disoccupazione e gli investimenti stentano a decollare».

Per rivedere la luce l'itinerario da percorrere è ancora lungo. «Se immaginiamo la crisi come un tunnel lungo cento metri – chiarisce Cama – le Pmi ne hanno percorsi 61 verso l'uscita, due in più rispetto a quanto già rilevato a metà 2010». In testa si confermano le aziende dell'artigianato (quasi 65 metri percorsi), seguite a ruota dalla piccola impresa industriale (63). Il settore del commercio è rimasto, invece, fermo sui propri passi, mentre i servizi hanno ottenuto un timido progresso (di poco superiore al metro) che riflette una situazione non ancora completamente sbloccata.

A livello territoriale in prima fila si posizionano le aziende settentrionali: davanti a tutti il Nord est che ha superato la soglia dei 65 metri, incalzato a meno di due lunghezze dal Nord ovest. Più distante il Centro, attardato di cinque metri e, infine, Sud e isole, area che evidenzia comunque il progresso più consistente nell'ultimo semestre (+2,4).

Per chi intravede la luce alla fine del tunnel, l'ottimismo deriva in primis dal sentore di una ripresa degli ordini (nel 53% dei casi), confermato sia dalla crescita del 5,3% della produzione industriale nel 2010 certificata la scorsa settimana dall'Istat sia dalle previsioni sul primo semestre 2011 che indicano un discreto incremento della produzione/domanda e del fatturato, grazie anche al +1,8% stimato per le esportazioni.

Le note dolenti, invece, arrivano dal fronte caldo del lavoro: l'occupazione nel 2010 è risultata in flessione dell'1,3% e per quest'anno è stimata ancora in calo (-0,1%): nei servizi e nel commercio, in particolare, sono previsti ulteriori tagli, mentre l'artigianato dovrebbe registrare un'inversione di tendenza (+0,2%), al pari della piccola impresa manifatturiera (+0,1 per cento).

Nei primi sei mesi di quest'anno dovrebbero riprendere vigore gli investimenti, nonostante la quota dei possibili investitori sia destinata a restare ancora contenuta (10,5 per cento). «Il debole processo di ripresa – commenta Cama – non ha favorito la propensione a investire: poche sono state le decisioni di investimento e di modesta entità, nel 60% dei casi inferiori a 25mila euro».

Dalle statistiche risulta che gli investimenti realizzati dalle aziende sono destinati principalmente al rinnovo delle attrezzature (48%) e l'autofinanziamento si conferma la principale risorsa utilizzata (51%).

Per il prossimo semestre a livello territoriale sarà il Nord ovest a esprimere le maggiori potenzialità di recupero con un incremento della produzione superiore al punto percentuale, il livello degli ordinativi in crescita fino al +1,5% e con l'export che potrebbe portare a un balzo in avanti del fatturato vicina ai tre punti percentuali. Nell'occupazione tuttavia si prevedono nuove fuoriuscite di personale (-0,4%), mentre una tendenza opposta, seppure contenuta si prospetta nelle regioni del Nord est (+0,1%) e nel Mezzogiorno (+0,2 per cento). Recupero delle assunzioni escluso anche in base alla dinamica dei settori: ai pochi ingressi attesi nell'artigianato e nella piccola impresa manifatturiera, fanno da contraltare ulteriori tagli nel commercio e nei servizi.

«La ripresa è ancora lontana – conclude Cristina Cama -: le previsioni consentono di affermare che le piccole imprese stanno andando avanti, ma sono ancora appesantite dalla crisi e si limitano a gestire l'ordinario, senza avere risorse, energia e sicurezze per innescare processi di innovazione».

 

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

La segnalazione di Bankitalia su un’ipotesi di falso in bilancio rende legittimo il sequestro del ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Illimity Bank e un’affiliata di Cerberus capital management hanno perfezionato un’operazione di ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

È ancora presto per dire che quello della raccolta di denaro fresco per le banche italiane non rapp...

Oggi sulla stampa