Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Riparte l’Alitalia commissariata ma da sola non ha futuro

Alitalia, la compagnia che è fallita due volte, piace e vola da sola grazie ad un’iniezione di liquidità da 900 milioni, meno della metà di quanto messo sul piatto inutilmente da Etihad 4 anni fa. In queste ultime settimane ha attirato su di sé l’occhio di falchi che conoscono il settore a menadito, come il fondo americano Cerberus – che ha spolpato e rivenduto a pezzi Air Canada nel decennio scorso ricavandone un quarto di miliardo di dollari – e di compagnie blasonate come easyJet e Lufthansa. Perché?
Il segreto di questa insperata rinascita si legge solo andando a pescare tra i numeri, portati in un’audizione in Parlamento dai commissari Stefano Paleari e Luigi Gubitosi. Intanto Alitalia piace perché ha un numero di dipendenti inferiore ai concorrenti. La società oggi ha 9mila persone operative e 1.600 in cassa integrazione. I costi sono uguali o inferiori a molti concorrenti, a partire dalle low cost e ancor di più se il raffronto viene fatto con i fondamentali finanziari e operativi del gruppo tedesco. Per la sua flotta da 120 aerei, Alitalia utilizza un pacchetto di piloti e assistenti di volo paragonabile a quello delle low cost, come easyJet, e sicuramente migliore di Lufthansa. C’è anche un patrimonio umano e professionale indiscutibile, dai piloti agli assistenti di volo fino alla manutenzione leggera.
Tutto bene quindi? Non proprio. Che il giocattolo vada venduto lo pensano in molti, compresi i commissari che però aspettano il momento e le condizioni migliori. E così la pensa uno degli amministratori della compagnia più amati e forse invidiati dai suoi successori. Infatti gli unici bilanci da incorniciare risalgono a 20 anni fa grazie all’ad Domenico Cempella. Che sulla vendita ha le idee molto chiare: « Il processo dovrebbe essere guidato dal governo per garantire al Paese un vettore in grado di sviluppare traffico e quindi valore. Inoltre – aggiunge Cempella – sembra che il vettore tedesco sia interessato a servirsi di Alitalia per alimentare la propria rete dalla Germania, piuttosto che da e per l’Italia. In ogni caso – conclude – mi pare che i commissari stiano facendo un buon lavoro: sono intervenuti su quelle voci di spesa che gridavano vendetta come carburanti e leasing, migliorando i conti. Questo significa che l’azienda non è con l’acqua alla gola, ma ha modo di scegliere i tempi per la cessione, operazione comunque ineludibile. E male non sarebbe prevedere una sorta di golden share a garanzia dello sviluppo di Alitalia». Ci sono anche altri punti deboli che andrebbero contrastati subito se non si vorrà arrivare a fine inverno con l’acqua alla gola. Andrea Giuricin, docente di Economia dei Trasporti presso l’università Milano Bicocca, ceo di TRA consulting è un profondo conoscitore del settore aereo. Per Giuricin la ex compagnia di bandiera non potrà ballare da sola molto a lungo: «Non se guardiamo i conti portati dai commissari in Parlamento nelle ultime ore. Di questo passo, se consideriamo oltre 31 milioni di “ rosso” nei mesi estivi, quelli più importanti e profittevoli, si intravedono perdite pari ai 500mila euro al giorno del passato ». Quindi le cose sono cambiate di poco se si guarda al risultato finale. « Se poi confrontiamo i dati con i concorrenti allora il futuro è ancora più incerto: da giugno a ottobre le compagnie quotate hanno messo a segno dei risultati importanti: Ryanair vola con 896 milioni di utili. Lufthansa ha un ebitda positivo per 2 miliardi. Servono molti soldi per sostenere collegamenti come quelli previsti per il Sud Africa, – conclude Giuricin – e in genere prima di vedere dei frutti passano anche due anni. E Alitalia non può aspettare ma soprattutto non può sbagliare nulla. I commissari devono agire in fretta vendendo sì a condizioni vantaggiose, ma senza arrivare al voto con altri sei mesi di incertezza».

Lucio Cillis

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Sono sessantasei i fascicoli di polizze infortuni in favore dei dirigenti di cui si sono perse le tr...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Questo shock senza precedenti potrebbe causare qualche vittima tra le banche». Un Ignazio Visco i...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Non sarà possibile avere il Recovery Fund in funzione dal primo gennaio 2021 e anche il Bilancio ...

Oggi sulla stampa