Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Rilancio per aziende ristrutturate Intesa e Unicredit al via con Kkr

È prevista oggi la firma dell’accordo per dare il via al veicolo comune sui crediti ristrutturati fra Unicredit, Intesa Sanpaolo e e l’operatore internazionale di private equity Kkr di Henry Kravis e George Roberts. 
Si tratta della costituzione non di una «bad bank» bensì della prima società che in Italia si occuperà di rilanciare aziende (che inizialmente potrebbero essere sei o sette, non quotate) tornate in bonis dopo la ristrutturazione di un debito che ne bloccava l’attività. La piattaforma prevede che i crediti ristrutturati vengano presumibilmente ceduti dai due istituti, e che le società industriali individuate vengano messe in condizioni di perseguire un turnaround che le porti al rilancio. Kkr, che ha già una consolidata esperienza in questo settore avendo compiuto investimenti su circa un centinaio di imprese solo in Europa, dovrebbe detenere la maggioranza del veicolo. Gli interventi potranno essere in equity o quote parte-cipative e sarà Kkr in modo prioritario a impostare piani, investimenti e governance finalizzati appunto a rilanciare i business delle aziende non più «malate» ma non ancora in grado di ripartire senza un sostegno. La lista delle aziende su cui intervenire è mobile perché ciascuna può trovare soluzioni alternative, purché sostenibili. E sarà dunque completata con il closing, previsto entro fine luglio.
Unicredit sta poi valutando una revisione del piano industriale al 2018 per studiare «come confrontarsi con il nuovo scenario macroeconomico, con tassi di interesse bassi dal 2015 in poi». Lo ha spiegato l’amministratore delegato della banca, Federico Ghizzoni, nel corso di un incontro con la stampa estera a Milano. «Si tratterà solo di una messa a punto», ha precisato il banchiere, aggiungendo che le decisioni saranno prese entro fine anno. L’istituto punta inoltre a crescere anche fuori dall’Europa rafforzandosi in particolare in Cina, Medio Oriente, Centro e Sud America, «non con acquisizioni, ma attraverso accordi commerciali con istituti locali» .

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Primo giorno di lavoro in proprio per Francesco Canzonieri, che ha lasciato Mediobanca dopo cinque a...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

 Un passo indietro per non sottoscrivere un accordo irricevibile dai sindacati. Sarebbe questo l’...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Doveva essere una Waterloo e invece è stata una Caporetto. Dopo cinque anni di cause tra Mediaset e...

Oggi sulla stampa