Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Riforme, prossime tappe il Fisco e la Pa

Per Matteo Renzi gli esami non finiscono mai. Superato con slancio – almeno stando alle prime proiezioni di ieri – il test delle europee, per il premier è già ora di rimettersi al lavoro sui dossier interni. Che, anche a causa dello stand-by imposto all’attività di governo nelle ultime settimane di campagna elettorale, si annunciano corposi. Il primo atto potrebbe esserci già giovedì con il varo in Consiglio dei ministri di alcuni decreti attuativi della delega fiscale. Almeno stando alla road map renziana che vede in maggio il mese consacrato alla riforma del fisco.

Se così fosse, i contribuenti potrebbero assistere già questa settimana alla nascita di una delle creature che più sta a cuore all’ex sindaco di Firenze: il 730 precompilato. Magari in abbinata alla tanto attesa riforma del catasto. E più o meno nelle stesse ore la Camera deciderà sulla sorte del bonus Irpef da 80 euro che potrebbe essere ampliato già durante il suo primo passaggio parlamentare. Fermo restando che la battaglia più importante si giocherà dopo l’estate quando, con la legge di stabilità, andranno resi strutturali gli 80 euro in più in busta paga.
Se possibile l’agenda di giugno si presenta ancora più fitta. Sia per il possibile varo del primo decreto crescita del nuovo esecutivo, incentrato sul taglio della bolletta energetica e sull’irrobustimento dell’Ace per incentivare gli aumenti di capitale, sia perché dovrebbe terminare la consultazione pubblica sulla riforma della Pa. È fissato al 13 giugno il Cdm per il via libera al disegno di legge delega per l’istituzione del ruolo unico della dirigenza (magari esteso in un secondo momento a regioni e Ssn), l’abolizione del trattenimento in servizio che garantirebbe una staffetta generazione a favore di 10mila giovani, l’introduzione della mobilità obbligatoria.
In contemporanea un’altra partita importante si giocherà invece al Senato sulle riforme istituzionali: riduzione dei parlamentari, nascita del Senato delle autonomie non elettivo, riforma del titolo V, soppressione del Cnel. Nelle intenzioni del presidente del Consiglio il via libera dell’aula di Palazzo Madama dovrebbe arrivare intorno al 10 giugno. Affinché ciò accada è necessario che Forza Italia metabolizzi il risultato di ieri e decida se appoggiare comunque la riforma renziana. Un discorso che vale ancora di più per l’Italicum, che Fi ha contribuito ad approvare alla Camera nei mesi scorsi. In discussione c’è soprattutto la soglia del 37% sotto la quale si va al ballottaggio, che ora potrebbe risultare irraggiungibile per il centrodestra, vecchio o nuovo che sia. Da qui il possibile ripensamento dei forzisti a favore di un rafforzamento del proporzionale senza doppio turno.
Sempre a giugno è attesa la riforma della giustizia. Con un nuovo scenario che si profila all’orizzonte, almeno per quella penale. L’arretramento di Forza Italia, abbinato alla conferma del M5S, potrebbe ora consentire la nascita di un asse trasversale per la reintroduzione del reato di autoriciclaggio e per l’inasprimento delle pene per il falso in bilancio. Con buona pace delle riserve di Angelino Alfano e dei suoi.
Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

L’anno del Covid si porta via, oltre ai tanti morti, 150 miliardi di Pil. Ma oggi si può dire che...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Forte crescita dell’attività di private equity nei primi due mesi dell’anno. Secondo il dodices...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Goldman Sachs ha riavviato il suo trading desk di criptovalute e inizierà a trattare futures su bit...

Oggi sulla stampa