Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Riforme, parte la corsa a ostacoli i fondi ai partiti a rischio rinvio

 

ROMA – Il primo banco di prova sulle riforme è oggi, alla Camera, ma potrebbe saltare. In calendario – al secondo punto della discussione in Aula – c´è il disegno di legge sul finanziamento ai partiti. Prima però tocca al decreto sulle commissioni bancarie, e se il governo metterà la fiducia – in Transatlantico danno la possibilità al 90 per cento – dei soldi alla politica si finirà per parlare mercoledì o giovedì, e il voto finale slitterà alla settimana prossima. Comunque, il ddl è pronto, i relatori Calderisi (Pdl) e Bressa (Pd) si incontreranno stamattina per le ultime modifiche: aspettavano la relazione tecnica del governo, devono verificare che tutta l´operazione non abbia costi. E forse, inasprire ancora le sanzioni, che nell´ultima versione vanno da una multa di tre volte il valore dell´irregolarità nei bilanci fino alla decurtazione dell´intero importo. C´è poi il dimezzamento dei fondi, 91 milioni all´anno, a partire dalla rata di luglio. Il controllo delle società esterne di revisione, quello della Commissione con giudici della Corte dei Conti, del Consiglio di Stato e della Cassazione, i tetti elettorali, la pubblicità dei rendiconti, la fine dell´anonimato per i donatori privati sopra i 5mila euro. Non è poco, e non è detto che in aula vada liscia: ufficialmente a remare contro sono i partiti fuori della maggioranza, la Lega e l´IdV, che chiedono misure ancora più drastiche. In realtà, i nemici di questa legge sono molti, e trasversali.
A Palazzo Madama poi riparte la commissione Affari Costituzionali sulle riforma della Carta, ma i senatori non hanno ancora incominciato a votare gli emendamenti, e da oggi dovranno pensare anche al decreto sulla spending review. Il rischio rallentamento è dietro l´angolo, nonostante l´attenzione dimostrata da Napolitano – e dal governo – sull´intero pacchetto. Il testo, che prevede maggiori poteri per il premier, come la nomina e la revoca dei ministri, la sfiducia costruttiva, diverse competenze per Camera e Senato e soprattutto la riduzione dei parlamentari (a 508 la Camera e a 254 il Senato) deve viaggiare di pari passo con la legge elettorale. E quella, è ancor più in alto mare. La bozza su cui si lavorava è impraticabile: «Se si votasse con quella e i risultati fossero come alle comunali – rivela lo “sherpa” democratico Gianclaudio Bressa – neanche Pd, Idv, Sel e Udc messe insieme avrebbero avuto la maggioranza». I democratici pensano al doppio turno (ma nel Pdl sono in pochi a parlarne, come Maria Stella Gelmini). L´ex ministro Giorgia Meloni ha proposto, insieme a 40 deputati, di modificare il porcellum con le preferenze e con una rimodulazione dei premi di maggioranza. Cicchitto sconfessa tutti e dice «né doppio turno né preferenze». Bisognerà aspettare i ballottaggi, poi decideranno.
Nel frattempo, l´orologio è inesorabile. Per approvare le riforme costituzionali (non quella elettorale, ma sono appunto legate) servono due letture alla Camera e al Senato, e tra la prima e la seconda devono passare tre mesi. In più, se non si raggiungono i due terzi dell´Aula ogni volta scatta il referendum. Che potrebbe tenersi solo nel 2014. Quindi, addio riduzione dei parlamentari e addio Camere più efficienti. Almeno per il prossimo giro.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Cinque nomi nuovi, a partire da Andrea Orcel, cinque conferme (più Pier Carlo Padoan, cooptato da p...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Francesco Gaetano Caltagirone segue le orme di Leonardo Del Vecchio e, dopo anni passati ad arrotond...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Zero profitto, zero dividendo: così la Bundesbank ha chiuso il bilancio 2020, un bilancio pandemico...

Oggi sulla stampa