Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Rifkin: il nuovo lavoro? Dall’incrocio di digitale, rinnovabili e trasporti

Vent’anni fa Jeremy Rifkin, 69 anni, divenne famoso in tutto il mondo con il suo bestseller «La fine del lavoro». La grande recessione ha accelerato le sue previsioni: la disoccupazione resta in media all’11% nella zona euro e in Paesi come l’Italia è intorno al 12%, con valori oltre il 40% per i giovani. Ma ora l’economista americano rilancia: «L’Italia può ridare lavoro a milioni di persone già domani se si affretterà a costruire le infrastrutture per la terza rivoluzione industriale».
Spiega: «Una rivoluzione industriale accade ogni volta che 3 tecnologie epocali emergono e convergono per creare una nuova piattaforma che usiamo per gestire l’energia e muovere l’economia. Il Pil rallenta in tutto il mondo, perché la produttività diminuisce da 20 anni ovunque. Oggi la spinta arriva dall’Internet delle cose: la nuova convergenza tra comunicazione digitale, energie rinnovabili e trasporti sta cambiando il paradigma economico». Rifkin lo chiama «Collaborative Commons», un concetto che rende le società più efficienti dal punto di vista energetico e più collaborative».
Alla base di questo mutamento c’è il concetto dei costi marginali quasi a zero (è il tema del suo ultimo libro), un fenomeno che porta alla cosiddetta sharing economy. «Nel vecchio modello di capitalismo ci sono venditori e compratori. Oggi milioni di consumatori sono diventati “prosumatori”, un mix tra produttori e consumatori, iniziando a produrre e condividere, come è già successo nella musica, nei video e nell’informazione. Le nuove generazioni non sono interessante al possesso, ma all’accesso». Come dire: vogliono avere mobilità non l’auto. Ecco perché Uber ha successo. Vale anche per le case, come fa Airbnb. «Non è la fine del capitalismo, ma la sua trasformazione, e impone nuovi modelli di business», sostiene Rifkin, a Milano per partecipare a una conferenza organizzata da Formedil, l’Ente nazionale per la formazione nell’edilizia, perché la trasformazione degli edifici in piccole centrali di energia verde e nodi di comunicazione non solo è uno dei pilatri della terza rivoluzione industriale, ma anche un’enorme opportunità per un Paese come il nostro.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Entra nel vivo la gara per la conquista di Cedacri, società specializzata nel software per le banch...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il Monte dei Paschi di Siena ha avviato ieri un collocamento rapido di azioni, pari al 2,1% del capi...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il giorno dopo il lancio dell’Opa da parte di Crédit Agricole Italia, il Creval valuta le possibi...

Oggi sulla stampa