Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Ricettazione pre-fallimento con aggravante ampia

Si applica anche all’impresa, e non soltanto all’imprenditore individuale, la circostanza aggravante, nell’ipotesi di responsabilità per ricettazione pre-fallimentare, dell’aumento di pena quando «l’acquirente è un imprenditore che esercita un’attività commerciale». Lo ha stabilito la Corte di cassazione nella recentissima sentenza (sez. V pen., 20 settembre 2017, n. 43101).

In altri termini, la Suprema corte ha affermato che integra il reato di ricettazione pre-fallimentare la condotta dell’amministratore di una società che abbia acquisito partecipazioni societarie di una società in stato di dissesto senza il pagamento di alcun corrispettivo. Nel caso di specie i giudici hanno ritenuto di dover applicare l’aggravante citata in quanto «l’acquisto delle quote da parte dell’amministratore non è avvenuto in qualità di soggetto privato, bensì quale amministratore di una società esercente attività imprenditoriale».

La Cassazione fa presente che si configura la c.d. ricettazione pre-fallimentare in presenza di condotte di distrazione, di ricettazione o di acquisto a un prezzo notevolmente inferiore al valore corrente di merci o di altri beni dell’imprenditore in stato di dissesto, se si verifica il fallimento. I giudici di legittimità precisano, inoltre, che la legge prevede l’applicazione di una circostanza aggravante del reato quando «l’acquirente è un imprenditore che esercita un’attività commerciale».

Secondo la sentenza «concettualmente va evidenziato che l’imprenditore può esercitare un’attività commerciale sia in forma individuale sia in forma collettiva ( o societaria); e l’aggravante in oggetto è evidentemente applicabile a qualsiasi forma di esercizio dell’attività imprenditoriale, non essendovi alcuna esclusione dell’attività imprenditoriale collettiva dal perimetro applicativo della circostanza».

Semplificando, la Corte di cassazione mette in evidenza che l’unico presupposto per la applicabilità della circostanza aggravante è l’esercizio di un’attività commerciale qualunque sia la forma in cui viene esercitata l’attività imprenditoriale.

Lucia Prete

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Il consiglio di Atlantia (e quello di Aspi) hanno risposto al governo. Confermando di aver fatto tut...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Serviranno ancora un paio di mesi per alzare il velo sul piano industriale «di gruppo» che Mediocr...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il piano strategico al 2023 rimane quello definito con Bce e sindacati. Ma una revisione dei target ...

Oggi sulla stampa