Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Reverse charge a sanzione fissa

Sanzione fissa per omessa applicazione del reverse charge anziché applicazione della sanzione dal 100% al 200% dell’imposta non evidenziata in fattura, in linea sia con i principi di proporzionalità, ovvero correlando la sanzione all’effettivo danno erariale, sia con il recente orientamento della Corte di cassazione (sentenza n.7576 del 15/04/2015). È stato pubblicato sul supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n.233 del 7/10/2015 il decreto legislativo n.158/2015 sulla revisione del sistema sanzionatorio penale e amministrativo. Il decreto, entrato in vigore il 22 ottobre scorso, modifica l’articolo 6 del dlgs 471/97 riscrivendo i commi da 9 bis a 9 bis3 in tema di reverse charge. La nuova norma, stabilisce una sanzione fissa da un minimo di 500 euro a un massimo di 20 mila euro, quando il committente registri, solo ai fini delle imposte dirette, il documento e non osserva gli adempimenti connessi con l’inversione contabile. Qualora, la fattura non venga annotata in contabilità o nel caso in cui il cedente non la emetta e il committente non regolarizza entro i successivi 30 giorni l’inadempimento, si applica la sanzione in misura proporzionale dal 5 al 10 % dell’imponibile con un minimo di 1.000 euro. Nell’ipotesi in cui l’Iva è stata erroneamente addebitata e versata dal cedente in luogo dell’applicazione del reverse charge, la sanzione è in misura, fissa da 250 a 10 mila euro. Per le operazioni esenti, non imponibili e non soggette, nel caso in cui è stato applicato erroneamente il reverse charge, dovranno essere eliminati sia il debito che il credito erroneamente registrati nella contabilità Iva dell’acquirente. Per i casi di violazione che generano un danno erariale o se l’errore è determinato da intenti fraudolenti è prevista una sanzione proporzionale dal 90 al 180% dell’imposta. Un dato degno di nota, è che le nuove regole decorreranno dal 1° gennaio 2017, ma si applicheranno a violazioni commesse precedentemente secondo il principio del favor rei, fatta eccezione per gli atti sanzionatori divenuti definitivi.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

L’anno del Covid si porta via, oltre ai tanti morti, 150 miliardi di Pil. Ma oggi si può dire che...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Forte crescita dell’attività di private equity nei primi due mesi dell’anno. Secondo il dodices...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Goldman Sachs ha riavviato il suo trading desk di criptovalute e inizierà a trattare futures su bit...

Oggi sulla stampa