Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Restituzione bonus , ecco chi e perché

Il punto è il rispetto dei requisiti di legge. Il bonus istituito dal governo Renzi e identificato in busta paga come “credito Dl 66/2014” – consiste in 80 euro erogati ogni mese dal maggio di due anni fa ai lavoratori dipendenti capienti, ovvero con redditi lordi annui da 8 mila a 26 mila euro (ma con décalage, dunque non pieno, da 24 mila a 26 mila). Chi è fuori da questo limite non può averne diritto. E se incassato, deve restituirlo. Ma allora perché erogarlo per poi richiederlo indietro?
Perché il sostituto d’imposta – ovvero il datore di lavoro che compila i cedolini non sa quale sia il reddito complessivo annuo del dipendente. E dunque assegna gli 80 euro in base al monte salario da lui conosciuto. Quando però il contribuente compila il 730 emergono i nodi: reddito troppo alto o troppo basso. Si verifica il primo caso quando vi sono altri redditi oltre a quello da lavoro dipendente: una casa affittata, i diritti d’autore, i dividendi. O più semplicemente diversi contratti stipulati nei dodici mesi o ancora una promozione in coda d’anno che alza la soglia di reddito sopra i 26 mila euro. Si ricade nel secondo caso (redditi troppo bassi) – forse il più spiacevole quando da capienti si diventa incapienti, dunque con reddito sotto gli 8 mila euro (esentasse per legge, perché le detrazioni assorbono l’imposta lorda). È capitato a poco più di 341 mila contribuenti che si son visti detrarre 55 milioni: da capienti si sono “scoperti” incapienti, dunque bonus non dovuto. Quasi una beffa.
«Durante l’anno, io datore, do gli 80 euro perché non so se alla fine dell’anno quel lavoratore supererà o meno gli 8 mila euro di reddito complessivo», spiega Raffaello Lupi, docente di diritto tributario. «Se poi viene fuori che il suo reddito è molto basso, dunque incapiente, deve restituire». Anche i “ricchi”, come ovvio, hanno dovuto rispettare la regola del reddito complessivo. Non stupisce ad esempio che 64 mila italiani con guadagni da 50 a 100 mila euro abbiano ridato 26 milioni. O i 2 milioni “rimborsati” da altri 5 mila fortunati che viaggiano sopra i 100 mila euro. Tra loro, anche 131 benestanti quotati oltre i 300 mila euro. Evidentemente al contrattino da lavoratore dipendente hanno affiancato ben più congrue entrate.
Si poteva fare altrimenti, per evitare l’effetto illusione-delusione? «Forse no, a meno di rinunciare al frazionamento mensile ed erogare tutto il bonus insieme, in sede di 730», azzarda Lupi. Ma così non è stato, anche per un legittimo dividendo politico. C’è poi da dire che la stragrande maggioranza dei destinatari degli 80 euro nel 2014 – 11 milioni e 300 mila lavoratori, per una spesa pubblica di 6 miliardi – non ha dovuto compensare, né in eccesso né in difetto.

Valentina Conte

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«Non sapevo che Caltagirone stesse comprando azioni Mediobanca. Ci conosciamo e stimiamo da tanto t...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Primo scatto in avanti del Recovery Plan italiano da 209 miliardi. Il gruppo di lavoro "incardinato"...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La Cina ha superato per la prima volta gli investimenti in ricerca degli Stati Uniti. Pechino è vic...

Oggi sulla stampa