Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Responsabili i sindaci

I sindaci devono vigilare anche sulle operazioni infragruppo quando gli importi delle stesse, troppo elevati, avrebbero dovuto far presumere la fittizietà delle iniziative. Il danno adducibile ad amministratori e sindaci può essere ragionevolmente quantificato nella somma delle operazioni illecite sulle quali l’organo di controllo non ha esercitato la vigilanza richiesta. È quanto emerge dalla sentenza della Cassazione civile n. 13514 depositata lo scorso 13 giugno che conferma le decisioni del tribunale di Trieste e della Corte d’appello del capoluogo friulano.

Il fatto. A seguito del fallimento di una società per azioni il curatore fallimentare esercita azione di responsabilità nei confronti di amministratori e componenti dell’organo di controllo per il periodo 2002/2003. L’addebito riguardava alcune operazioni (i cui dati erano stati acquisiti in sede penale) di importo rilevante (964.161 euro e 538.800 euro) con bonifici a favore di società appartenenti allo stesso gruppo, a fronte di operazioni rivelatesi, poi, fittizie. In relazione a dette fattispecie, il pregiudizio subito dalla società viene determinato (in primo grado) nella somma delle due operazioni contestate, con addebito di tre quarti della responsabilità agli amministratori e del residuo quarto ai sindaci. Secondo le corti di merito, nel caso di specie era ravvisabile una violazione del dovere di vigilanza, dell’organo di controllo, in relazione all’inerzia manifestata a fronte della censurabile attività svolta dagli amministratori.

La pronuncia. La Cassazione, conforme ad un orientamento ormai pacifico (si veda a riguardo Cass. 27/5/2013 n. 13081; Cass. 29/10/2013 n. 24364; Cass. 14/10/2013 n. 23223; Cass. 4/5/2012 n. 6788) ritiene che «_ ai fini della configurabilità della violazione del dovere di vigilanza imposto ai sindaci, non è necessaria l’individuazione di specifici comportamenti che si pongano espressamente in contrasto con tale dovere, essendo invece sufficiente che i componenti dell’organo di controllo non abbiano rilevato una macroscopica violazione o comunque non abbiano in alcun modo reagito a fronte di atti di dubbia legittimità e regolarità, e non abbiano quindi posto in essere quanto necessario per assolvere l’incarico con diligenza, correttezza e buona fede, eventualmente anche segnalando all’assemblea le irregolarità riscontrate, ovvero denunziando i fatti al pm, per consentire l’adozione delle iniziative previste dall’art. 2409 c.c.». Altresì, corretta secondo la Suprema corte è risultata la quantificazione del danno richiesto ad amministratori e sindaci nell’ambito dei giudizi di merito (contestata dai ricorrenti), in quanto il criterio equitativo è risultato nel caso di specie ininfluente. Quest’ultimo, infatti, è un criterio generale (non impiegato nel concreto), mentre è legittimo che la Corte abbia «… quantificato il danno in questione attribuendo un valore equivalente alla sommatoria delle operazioni considerate illecite, e quindi, utilizzando un parametro oggettivamente individuato».

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Con una valutazione pari a tre volte i ricavi, ossia di 1,5 miliardi di euro, Cedacri sta per essere...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ecco uno squarcio sui ritardi del piano italiano per accedere ai 209 miliardi del Next Generation Eu...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Alla fine il governo ha deciso di sposare la linea del Comitato tecnico scientifico: scuole di ogni ...

Oggi sulla stampa