Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Registro, no denunce se si decade

Il contribuente che decade dall’agevolazione dell’imposta di registro ridotta all’1% fruita all’atto dell’acquisto di immobili compresi in piani particolareggiati, a causa della mancata realizzazione dell’intervento edilizio nel termine di legge oppure della rivendita dell’immobile, non ha l’obbligo di denunciare l’evento all’ufficio e non è soggetto all’applicazione di sanzioni. In tali ipotesi, l’ufficio deve notificare l’avviso di liquidazione per recuperare la differenza d’imposta e gli interessi moratori, entro il termine di decadenza di tre anni, decorrente dall’inutile spirare del termine per l’edificazione (undici anni) oppure dalla data dell’atto di trasferimento dell’immobile. Lo chiarisce l’agenzia delle entrate, risoluzione 37 del 9/4/2014. Per quanto concerne l’eventuale obbligo del contribuente di denunciare ai sensi dell’art. 19 del dpr 131/86 le cause di decadenza dall’agevolazione introdotta dall’art. 1, comma 25, della legge 244/2007 (e soppressa dall’1/1/14 dalla riforma della tassazione degli atti di trasferimento immobiliare), la risoluzione esclude tale obbligo in quanto: la decadenza derivante dalla mancata edificazione nel termine di legge (inizialmente cinque anni dall’acquisto, poi elevato a undici) è monitorata dall’ufficio attraverso il controllo degli atti agevolati, iscritti in apposito Campione Unico; la decadenza derivante dalla rivendita prima del completamento dell’edificazione nel termine di legge è agevolmente rilevabile dall’ufficio attraverso l’atto di trasferimento dell’immobile presentato per la registrazione. Pertanto, poiché in entrambi i casi l’amministrazione viene a conoscenza del fatto, non può essere imposto al contribuente l’obbligo di presentare la denuncia ex art. 19, dpr 131/86. In entrambe le ipotesi, l’ufficio deve liquidare l’imposta complementare, pari alla differenza fra la tassazione ordinaria e quella agevolata, con gli interessi di mora, mentre non può applicarsi la sanzione di cui all’art. 69 dpr 131/86. L’avviso di liquidazione dovrà essere notificato nel termine di decadenza triennale, la cui decorrenza varia come precisato sopra.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Un voluminoso dossier, quasi 100 pagine, per l’offerta sull’88% di Aspi. Il documento verrà ana...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La ripresa dell’economia americana è così vigorosa che resuscita una paura quasi dimenticata: l...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ancora prima che l’offerta di Cdp e dei fondi per l’88% di Autostrade per l’Italia arrivi sul ...

Oggi sulla stampa