Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Registri Iva, tenuta più snella

Registri Iva in formato elettronico. Documenti relativi a fatture e acquisti tenuti in formato elettronico, in difetto della stampa cartacea sono da considerare regolari, purché siano aggiornati. È questa una delle semplificazioni inserita all’ultimo minuto nel testo del decreto fiscale (148/2017) approvato martedì notte dalla commissione bilancio del senato. Provvedimento blindato: nessuna modifica ci sarà alla camera sul testo che sarà licenziato oggi dall’assemblea del senato con il voto di fiducia. Anzi, si parla già di corsa contro il tempo per garantire l’approvazione dall’altro ramo del parlamento, e conseguente pubblicazione in Gazzetta Ufficiale entro il 7 dicembre, data di posticipo del versamento delle rate 2017 di quella rottamazione che insieme alle altre misure contenute nel provvedimento porta in dote alla legge di bilancio circa 2,5 mld di entrate. La conferma di un decreto fiscale intoccabile arriva dal relatore al provvedimento Silvio Lai (Pd). Quello che uscirà dai lavori del senato «sarà il testo definitivo, non penso proprio che ci saranno modifiche alla camera che lavorerà essenzialmente sulla seconda lettura della legge di Bilancio». Lai ha sottolineato alcune misure del decreto fiscale come «l’estensione della definizione agevolata dei carichi, la riapertura della cosiddetta rottamazione dei ruoli, l’estensione del meccanismo dello split payment, la sterilizzazione delle clausole Iva relative alle accise, l’estensione del credito d’imposta sulle campagne pubblicitarie e gli interventi fiscali in favore dei soggetti colpiti da eccezionali eventi sismici e meteorologici». «Di molte misure contenute, possiamo poi essere soddisfatti, dallo spesometro alle cure palliative, dai vantaggi fiscali per gli studenti fuori sede all’uscita dei minori da scuola». Oltre alla riorganizzazione dell’Agenzia delle entrate, che dovrebbe essere inserita in legge di bilancio, nella manovra potrebbe essere ripescata anche la rottamazione degli esiti dei controlli 36-bis e 36-ter, presentata come emendamento ed espunta però per problemi di oneri finanziari.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Il progetto di fusione tra Fiat-Chrysler (Fca) e Peugeot-Citroën (Psa) si appresta a superare uno d...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Davanti alle piazze infiammate dal rancore e dalla paura, davanti al Paese che non ha capito la ragi...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Erogazioni in crescita l’anno prossimo per Compagnia di San Paolo, nonostante lo stop alla distrib...

Oggi sulla stampa