Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Redditometro, da Milano a Napoli le spese dei single sotto la lente

Da un lato le entrate dello Stato che crescono del 3,8%, come comunicato ieri dal Tesoro. Dall’altro i nuovi strumenti in campo per la lotta all’evasione, che sta dando buoni risultati: quasi sei miliardi e mezzo di euro nei primi undici mesi del 2012, il 9,3% in più rispetto allo stesso periodo di un anno prima.
La novità del 2013 è il redditometro, che passerà ai raggi infrarossi le spese delle famiglie. E se si discosteranno più del 20% dalla cifra che il Fisco ritiene normale per quel nucleo familiare in rapporto al reddito dichiarato, scatteranno i controlli: il contribuente dovrà dimostrare di non essere un evasore. Insomma, c’è l’inversione dell’onere della prova. Perché il meccanismo si basa sul principio che a una determinata spesa sostenuta deve corrispondere una fonte di guadagno. Il redditometro si applicherà a partire dai redditi del 2009 e prevede che per 26 tipologie di beni e servizi, sui 56 presi in considerazione, si tenga per valido il valore più alto tra quello dichiarato dal contribuente e quello delle medie dell’Istat. Dopo aver fotografato ieri la situazione delle coppie con uno, due e tre figli, oggi nelle tabelle qui proposte abbiamo considerato i single con meno di 35 anni, di età tra i 35 e i 64 anni e le persone sole con 65 anni e più, che vivono a Milano, Roma, Napoli. Sono i valori riportati nella serie «Spesa media mensile familiare» dell’Istat, in cui a ogni bene o servizio acquistabile è attribuito un valore medio di spesa per ciascuna delle 11 tipologie di famiglia, considerate in cinque aree geografiche (Nordovest, Nordest, Centro, Sud e Isole). Poiché il Fisco distingue solo tra le cinque macroaree, vivere a Milano o Torino è lo stesso, così come a Roma o Firenze, a Napoli o Terni. In base all’Istat, un single con meno di 35 anni che vive a Milano dovrà spendere in media al mese poco più di 1.200 euro per il cibo, l’abbigliamento, la casa, il tempo libero, mentre se vive a Roma la spesa presunta sarà di 891 euro e a Napoli di 808 euro. Nel dettaglio, l’abbigliamento peserà sul bilancio di un single di età tra i 35 e i 64 anni per non meno di circa 112 euro se vive a Milano, 100 se sta a Roma e 83 se sta a Napoli.
Per verificare anticipatamente se la propria dichiarazione dei redditi sia congrua con il proprio stile di vita, l’Agenzia delle Entrate mette a disposizione il «redditest», un software che il contribuente scarica sul proprio computer, in modo che i dati inseriti non lascino traccia sul Web. Il contribuente compilerà una serie di campi con le spese sostenute durante l’anno (le più importanti) e di cui l’amministrazione è a conoscenza, ad esempio l’acquisto di una casa o di un’auto. Il programma aggiungerà poi in automatico le spese indispensabili per una famiglia, dal cibo all’abbigliamento, calcolate in base all’Istat e alla propria tipologia familiare. A questo punto scatta il confronto con il reddito dichiarato: il redditest darà semaforo verde, giallo o rosso a seconda della coerenza con quanto dichiarato o si ha intenzione di dichiarare.
Se cambiano le abitudini di spesa degli italiani per via della crisi, c’è da sperare che l’Istat adegui rapidamente le proprie statistiche. I dati diffusi ieri dal ministero dell’Economia dicono che le entrate sono aumentate, ma a spingere è stata l’Imu mentre l’Iva è in calo. Nei primi 11 mesi del 2012 il gettito complessivo è stato pari a 378,189 miliardi di euro. La tassa sulla casa reintrodotta dal governo Monti ha portato quasi 10 miliardi di euro solo nella prima rata, quella di giugno. Una spinta è arrivata anche dai bolli che, grazie alle novità per conti correnti e operazioni finanziarie, hanno raddoppiato gli incassi, che hanno raggiunto quota 3 miliardi di euro. Certo, bene per la collettività e per le casse malate dello Stato ma un salasso per le famiglie che si sono trovate a fare i conti con l’aumento di tutto. E infatti l’Iva ha risentito maggiormente della crisi: il calo del gettito dell’imposta sui consumi è stato in 11 mesi pari all’1,8% ovvero 1,818 miliardi. Giù anche le tasse provenienti dal comparto dei giochi, che nel complesso hanno perso 798 milioni di euro (-6,3%). Gli italiani hanno sfidato meno la fortuna con il lotto, il risultato è oltre mezzo miliardo di euro di gettito (-8,9%) in meno.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«Non sapevo che Caltagirone stesse comprando azioni Mediobanca. Ci conosciamo e stimiamo da tanto t...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Primo scatto in avanti del Recovery Plan italiano da 209 miliardi. Il gruppo di lavoro "incardinato"...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La Cina ha superato per la prima volta gli investimenti in ricerca degli Stati Uniti. Pechino è vic...

Oggi sulla stampa