Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Reddito di cittadinanza a quasi 3 milioni di italiani

Continua ad aumentare il numero di beneficiari del Reddito e della pensione di cittadinanza. E finanziamenti aggiuntivi arriveranno con il decreto legge Ristori 5, per far fronte a un ulteriore incremento della povertà causato dalla crisi innescata dal coronavirus. Secondo i dati dell’Inps, a dicembre 2020 le famiglie titolari del Reddito e della pensione di cittadinanza sono aumentate del 3,3% su novembre, arrivando a 1.249.809 (240 mila in più). Un numero di nuclei familiari al quale corrispondono circa 2,9 milioni di individui. A febbraio 2020, prima della pandemia, le famiglie beneficiarie del sussidio erano meno di un milione. Il 61% dei nuclei e il 65% delle persone destinatarie dell’assegno risiede nel Sud. L’importo medio del Reddito è di 573 euro mensili. Si scende invece a 253 euro in media per la pensione di cittadinanza, erogata a circa 137 mila nuclei.

A questi numeri vanno aggiunti quelli del Reddito di emergenza, ulteriore misura di sostegno introdotta dal governo per fronteggiare le conseguenze economiche del Covid e destinata ai nuclei a basso reddito ma non così basso da farli accedere al Reddito di cittadinanza. A dicembre 2020 le famiglie che hanno ricevuto almeno una mensilità del Reddito di emergenza istituito dal decreto Rilancio erano 292 mila, con 702 mila persone coinvolte. L’importo medio del sussidio è stato di 559 euro. Sono invece 254 mila le famiglie soccorse con il successivo decreto Agosto e poi con il primo decreto Ristori, che hanno di fatto prolungato il Reddito di emergenza di tre mesi e riaperto le domande per chi non le aveva presentate in precedenza.

Insomma, tra Reddito di cittadinanza e Reddito di emergenza sono più di un milione e mezzo le famiglie assistite per un totale di persone che supera abbondantemente i 3 milioni e mezzo. Tutti numeri destinati a crescere nel corso di quest’anno. Tanto è vero che sul tavolo ci sarebbe un miliardo, un miliardo e mezzo da destinare a questi sussidi, dopo i 4 miliardi di rifinanziamento del Reddito di cittadinanza per i prossimi nove anni già previsto dalla legge di Bilancio 2021. Il decreto Ristori 5, verrà approvato dal Consiglio dei ministri nei prossimi giorni. Prima è necessario che il Parlamento dia il via libera al nuovo «scostamento di Bilancio», cioè a un aumento dell’indebitamento per 32 miliardi, necessari a finanziare le nuove misure di soccorso a imprese, lavoratori e famiglie: i ristori alle aziende, il prolungamento della cassa integrazione e, appunto, i sussidi ai bisognosi. Misure necessarie ma che, osserva l’Ufficio parlamentare di Bilancio, gonfieranno il deficit 2021, portandolo vicino al 9% del Pil rispetto al 7% indicato dal governo nella Nadef.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«Siamo certamente partiti con il piede giusto». Carlos Tavares, amministratore delegato di Stellan...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«L’intervento del Pnrr si colloca nel solco degli sfidanti obiettivi definiti in sede europea e n...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Squadre di lavoro ad hoc per asili e i nuovi “ospedali di comunità”. Si avvia la fase operativa...

Oggi sulla stampa