Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Redditi familiari ai livelli di 25 anni fa

La ripresa sta arrivando, ma i redditi non se ne sono accorti, anzi, stanno fermi al 1986. Ventisette anni fa le entrate disponibili pro capite erano pari a 17.200 euro, ora, nel 2013, sono più alte per soli 100 euro. Nel quarto di secolo abbondante che separa le due ere (il 1986 è stato l’anno del disastro nucleare di Chernobyl) si è però impennato il fisco e le spese obbligate — dalla casa, alla sanità e alla salute — si sono messe a correre. Oggi assorbono il 46 per cento dei consumi familiari, 6.500 euro l’anno circa, solo una ventina di anni fa, nel 1992 si accontentavano del 32,3 per cento, fermandosi a quota 2.700 euro. Tutto gli altri consumi, quindi, sono stretti in una morsa e la ripresa — conclude Confcommercio dopo aver elaborato dati e confronti — «al momento è solo un dato statistico».
L’analisi elaborata dal Centro studi elenca le voci dolenti dei bilanci familiari: il 58 percento del budget se ne va per mantenere la casa, e un altro 25 per cento va a coprire i trasporti. Il 7 assorbe le spese sanitarie, il 10 per cento i servizi finanziari e la protezione sociale. Ma se nel 1992 per pagare tale paniere bastavano 100 euro, ora ce ne vogliono oltre 216: un balzo dovuto alla carenza di liberalizzazioni. Al contrario — sostiene il rapporto — è crollata la spesa per tutti gli altri beni messi in commercio (alimentari, abbigliamento, istruzione, servizi e quant’altro), passata in venti anni dal 51,4 al 39,8 per cento. Anche se in tali settori l’aumento dei prezzi è stato decisamente più contenuto: per 100 euro spesi nel 1992, ora ce ne vorrebbero 160.
«L’economia italiana non è stata contaminata dal risveglio » commenta, Carlo Sangalli, presidente di Confcommercio e in un quadro del genere — se tagliare il cuneo fiscale è una priorità — la riforma del fisco è un obbligo, anche perché «l’aumento dell’aliquota Iva trasformerebbe la crisi economica in crisi sociale: imprese e famiglie sono già state durissimamente colpite». In questo quadro complesso e difficile la crisi di governo «va sicuramente evitata», la politica deve «abbandonare il confronto muscolare » e avviare le riforme «che affrontino l’emergenzadel Paese». A partire dalle liberalizzazioni, dal fisco e dagli interventi a favore delle piccole imprese, che sulla questione chiedono un incontro al premier Letta.
Quanto ai consumi, il loro futuro è ancora in sofferenza: se dall’Ocse alla Confindustria intravedono la possibilità di uscire dalla crisi già da questo trimestre, secondo Confcommercio, per le vendite «nel 2014 ci sarà una flessione di modesta entità, limitata a circa due decimi di punto, ma nel biennio2012-13 la perdita reale è stata di oltre 6,5 punti percentuali». Se il crollo è dunque finito, il resto è tutto da recuperare.
La crisi ha portato le famiglie a raschiare il fondo del barile: non si vendono più nemmeno i balocchi. Il settore — tra gennaio e luglio — ha subito un calo delle vendite del 3,4 per cento in valore e del 2,4 in volume, confermando — dice Assogiocattoli — la tendenza registrata già nel 2012 (meno 2 per cento in valore sul 2011).
Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Cinque nomi nuovi, a partire da Andrea Orcel, cinque conferme (più Pier Carlo Padoan, cooptato da p...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Francesco Gaetano Caltagirone segue le orme di Leonardo Del Vecchio e, dopo anni passati ad arrotond...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Zero profitto, zero dividendo: così la Bundesbank ha chiuso il bilancio 2020, un bilancio pandemico...

Oggi sulla stampa