Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Rcs MediaGroup vara il riassetto delle controllate

di Federico De Rosa

MILANO— Via libera al riassetto di Rcs Mediagroup. Ieri il consiglio d’amministrazione ha approvato all’unanimità il piano di riorganizzazione che prevede una semplificazione del gruppo editoriale attraverso la fusione in Rcs Mediagroup di alcune società interamente controllate. L’operazione, ha spiegato una nota del gruppo, interesserà «Rcs Quotidiani— con Rcs Digital e Trovocasa— Rcs Periodici— con Editrice Abitare Segesta, Pubblibaby, Rcs Direct, Rizzoli Publishing Italia e Sfera Editore— e Rcs Pubblicità» . Al termine del consiglio si è tenuta anche una riunione del comitato esecutivo. In base al programma approvato ieri le fusioni potranno avvenire non in contemporanea e cioè «con uno o più atti così anche in tempi diversi» , ha spiegato Rcs. Un termine non è stato fissato, ma è possibile che il processo di semplificazione possa chiudersi entro l’anno ed essere quindi efficace a partire dal prossimo esercizio. Si seguirà la procedura prevista dal Codice Civile per le fusioni semplificate, trattandosi di società interamente controllate delle quali saranno annullate le azioni o le quote di capitale sociale, e quindi non ci saranno concambi o emissione di nuovi titoli da parte di Rcs Mediagroup. Di conseguenza le fusioni non modificheranno l’azionariato del gruppo editoriale. I soci dissenzienti potranno tuttavia chiedere il recesso, in virtù delle modifiche allo statuto approvate lunedì scorso dall’assemblea. Modifiche necessarie ad ampliare l’oggetto sociale del gruppo editoriale che con la semplificazione diventerà una capogruppo operativa nelle attività legate a editoria, informazione, pubblicità, intrattenimento. Sul tavolo del consiglio è arrivato anche il dossier relativo alle otto testate del gruppo che erano state messe in vendita, ma per le quali sono giunte offerte che la scorsa settimana il board ha ritenuto inadeguate. Si tratta di Astra, il Mondo, Max, Novella 2000, Ok La salute prima di tutto, Visto, Costruire e Costruire Impianti. L’amministratore delegato di Rcs Mediagroup, Antonello Perricone, ha fatto il punto della situazione. L’obiettivo è quello di frenare il calo dei margini nell’area periodici. Ieri una rappresentanza di dipendenti della Rcs Periodici ha organizzato un sit-in sotto la sede del «Corriere della Sera» , dove era in corso il consiglio d’amministrazione, e ha consegnato al presidente Piergaetano Marchetti una lettera in cui si ribadisce il no alla vendita dei magazine che rappresentano «quasi la metà del portafoglio della Periodici» invitando gli azionisti «sensibili al tema a guardare diversamente a questo comparto, fondamentale per mantenere le dimensioni e consolidare l’autorevolezza del gruppo» . Uscendo dalla riunione del board un consigliere rimasto anonimo ha auspicato un «rilancio con grande forza» dei periodici in crisi. Si deciderà nelle prossime settimane come procedere e nell’ambito della ristrutturazione non è esclusa nessuna ipotesi.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Nelle stesse ore in cui i contagi da coronavirus nel Regno Unito, in Spagna e la Francia crescono a ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Superato lo scoglio di referendum ed elezioni regionali il governo prova a stringere sulla riprivati...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

In un contesto incertissimo per quanto riguarda le trattative tra Bruxelles e Londra su un futuro ac...

Oggi sulla stampa