Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Rcs in rosso, arriva il nuovo piano

MILANO — Rcs Mediagroup svaluta ancora le attività spagnole per 300 milioni e chiude il primo semestre con un risultato netto negativo per 427 milioni. Il consiglio ieri ha perciò convocato l’assemblea per il 16 ottobre (il 23 in seconda) ai sensi dell’articolo 2446 del codice civile (riduzione del capitale per perdite), i provvedimenti saranno tuttavia legati all’approvazione del piano di sviluppo, la cui elaborazione è stata già avviata. Si potrebbe andare dunque verso un rafforzamento patrimoniale del gruppo ora guidato da Pietro Scott Jovane, finalizzato a sostenere l’aumento della redditività attraverso la focalizzazione sulle attività multimediali.
Lo scenario spagnolo ha portato a impairment bis sulle attività immateriali per 305,4 milioni dopo quello già deciso nel primo trimestre per 321 milioni. La svalutazione, viene precisato, non ha impatto «sulla posizione finanziaria netta, prevista in miglioramento nel 2012» per effetto anche della cessione della francese Flammarion. La controllata Unidad Editorial ha dunque contribuito al 30 giugno a determinare nel bilancio di Rcs «la riduzione del patrimonio netto da 716,8 a 335,6 milioni».
Per quanto riguarda i ricavi il primo semestre dell’anno vede un calo del 10,5% (al netto della cessione di Dada.net) a 799,9 milioni. Sul calo ha pesato la riduzione dei ricavi pubblicitari che, pur registrando un andamento migliore rispetto al mercato sia in Italia sia in Spagna, sono scesi da 380,6 a 328 milioni. Crescono ancora, dell’8%, i ricavi da attività digitali: il totale raggiunge il 16% del fatturato del gruppo e per la sola pubblicità la quota è al 15%.
L’area quotidiani Italia ha registrato un calo dei ricavi del 5,8%, con una riduzione del 6% di quelli pubblicitari (rispetto al calo del 12,6% indicato in maggio per il mercato da Nielsen). Il fatturato diffusionale è sceso da 156,4 a 143,9 milioni ma è da sottolineare il boom dei ricavi editoriali digitali, aumentati del 40%. Corriere della Sera e Gazzetta dello Sport mantengono una posizione di leadership nei settori di riferimento e in particolare il quotidiano di via Solferino ha registrato un aumento delle copie medie diffuse del 2,8% a 506 mila. Il rafforzamento dei sistemi multimediali che ruotano intorno alle due testate ha visto per il Corriere il lancio della nuova edizione digitale nativa per iPad, il primo social reader italiano per consultazione attraverso Facebook (Corriere.it Social) e i restyling della web tv di Corriere.it e del settimanale Sette e per la Gazzetta di Sportweek. I siti Corriere.it e Gazzetta.it registrano lettori unici medi nei giorni feriali in aumento rispettivamente dell’11% a 2,1 milioni e del 7% a 990 mila. I video diffusi su Corriere.it hanno superato i 100 milioni con un incremento del 6,4%.
Rispetto agli altri dati consolidati della semestrale, il margine operativo lordo pre poste non ricorrenti è positivo per 17,8 milioni mentre il risultato operativo, per effetto appunto delle svalutazioni, passa da un rosso di 10 milioni a uno di 377,5. L’indebitamento, che aumenta per gli investimenti da 938,2 milioni a poco più di un miliardo, è previsto però in miglioramento per fine anno grazie appunto alla cessione di Flammarion a Gallimard il cui beneficio finanziario è stimato in 230 milioni con plusvalenze consolidate lorde pari a una novantina di milioni. Cifre che saranno realizzate nella seconda metà dell’anno. Il risultato netto del 2012, viene precisato nel comunicato, «si ritiene risulterà in perdita», anche tenuto conto di tale plusvalenza, «per le significative svalutazioni».
Il gruppo, che «continuerà a prestare attenzione ai costi (sono attesi per il 2012 70 milioni di risparmi dopo gli oltre 255 milioni dell’anno scorso)», sottolinea la volontà di cambio di passo precisando di aver «già avviato le attività preliminari per la predisposizione del piano di sviluppo», che punterà «con determinazione a una innovativa logica editoriale e di sistema».

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Meno vincoli della privacy per l’utilizzo delle nuove tecnologie in chiave antievasione. La deleg...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il green pass diventa obbligatorio per quasi 20 milioni di lavoratori. Da metà ottobre per acceder...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ha preso il via il digital tour di Imprese vincenti 2021, il programma di Intesa Sanpaolo per la va...

Oggi sulla stampa