Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Rc auto, extra-tutela con doppio binario

La vittima di un incidente stradale ha diritto di farsi risarcire direttamente dall’assicurazione dell’investitore anche se questi non aveva pagato il premio o la prima rata della polizza Rc.
La Terza civile della Corte di cassazione (sentenza 4353/2013) torna sul tema dell’opponibilità ai terzi delle vicende contrattuali della Rc auto, per ribadire che l’assicurazione non può chiamarsi sempre fuori dai sinistri provocati dal cliente moroso.
Il caso era sorto dopo che un motociclista (ben 18 anni fa) era stato tamponato da un auto, aveva subito danni liquidati in 15mila euro ma poi accollati al Fondo di garanzia per le vittime della strada: l’automobilista infatti non aveva pagato la rata del contratto, lasciando anche trascorrere senza esito la copertura dei 15 giorni successivi alla scadenza.
Sul punto, la Corte ricorda che l’assicuratore è tenuto in ogni caso a risarcire il sinistro se avviene nei 15 giorni di “extra” copertura, mentre se l’assicurato non paga neppure entro quella data il veicolo «deve ritenersi sprovvisto di assicurazione» e il risarcimento va accollato al Fondo vittime della strada. Non sempre, però, la morosità del cliente è opponibile al terzo (cioè al danneggiato). La Cassazione richiamando un precedente (23313/07) separa due ipotesi: se l’assicurato non paga il premio pattuito in un’unica soluzione o la prima rata la «sospensione assicurativa» che ne scaturisce non può essere fatta valere contro gli eventuali danneggiati e il contratto sarà operativo fino alla data di naturale scadenza. Ma se invece l’assicurato non paga la seconda o le successive rate «la sospensione della copertura assicurativa è opponibile al terzo danneggiato», al quale non resterà che rivolgersi al Fondo di garanzia delle vittime della strada.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Cdp ha appena celebrato il più grande matrimonio del 2020, quello che ha portato alle nozze Sia (4,...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Era nell’aria, adesso c’è la conferma ufficiale: l’Opa del Crédit Agricole Italia è «inatt...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Iccrea esce dal capitale di Satispay ma non abbandona il fintech. L'operazione, anzi, ha l'obiettivo...

Oggi sulla stampa