Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Rateizzazioni in tempi sprint

Rateizzazioni lampo fino a 50 mila euro. Non ci sarà nessuna attesa tra la presentazione dell’istanza e la concessione del piano di dilazioni, con la possibilità di pagare da subito la prima rata del piano approvato. La condizione è che il contribuente non sia mai decaduto da precedenti piani di rateizzazione.

Arriva poi una corsia di dialogo tra Equitalia e il suo primo azionista, l’Agenzia delle entrate, per valutare la qualità dei ruoli e ridurre la percentuale di scarto su quelle cartelle che risultano inesigibili visto che, con riferimento alla totalità dei documenti gestiti da Equitalia, dal 2000 al 2015, su circa 250 mln di documenti emessi da vari enti creditori, quelli annullati ammontano a circa 30 milioni. Sono queste alcune delle novità operative che ha annunciato l’amministratore delegato di Equitalia Ernesto Maria Ruffini intervenendo ieri in audizione presso la commissione di vigilanza dell’anagrafe tributaria alla camera.

Per Ruffini, che porta a casa, per il 2015, un riscosso a quota 8 mld, in crescita rispetto al 2016, è fondamentale il miglioramento del dialogo tra le banche dati dell’amministrazione.

In particolare l’ad evidenzia che «la possibilità di accedere a un’unica banca dati anagrafica integrata, aggiornata in tempo reale, determinerebbe benefici evidenti per Equitalia. Verrebbero, infatti, ridotti i costi operativi e procedurali».

Uno dei passaggi in tal senso è la notifica esclusivamente via Pec (Posta elettronica certificata), a far data dal 1° giugno 2016, degli atti di riscossione destinati a imprese e professionisti iscritti in albi o elenchi. Un percorso però all’inizio visto che «ogni anno», ha ricordato Ruffini, «a fronte di circa 2,5 mln di cartelle relative ai soggetti che dovrebbero essere intestatari di Pec, è stato possibile notificarne tramite essa meno di un milione».

Accrescere lo scambio di informazioni affidabili diventa strategico per Equitalia che ha appena varato una riorganizzazione che vedrà sul territorio la presenza, dal 1° luglio, di una sola società per la riscossione (ad eccezione della regione Sicilia). Le informazioni a cui Equitalia può accedere diventano dunque fondamentali. Ruffini ha ricordato come uno dei problemi della riscossione è il lasso di tempo che intercorre tra il mancato pagamento spontaneo da parte del contribuente e la consegna a Equitalia del credito da recuperare. Inoltre un altro ostacolo è rappresentato dalle richieste di pagamento che hanno a oggetto posizioni già saldate nella fase antecedente a quella di formazione del ruolo o si rivelino comunque indebite.

Per superare in parte queste criticità Equitalia punta al potenziamento dello scambio di informazioni con l’Agenzia delle entrate, in primis, per trasmettere le richieste di verifica del debito da parte dei contribuenti che eccepiscano un pagamento effettuato prima della consegna del ruolo. E l’integrazione, sempre con l’Agenzia, dei sistemi di gestione del contenzioso per rendere possibile lo scambio degli atti e documenti dall’inizio della lite tributaria fino alla sentenza.

Inoltre Equitalia punta a rafforzare l’accesso ai dati fiscali con l’applicativo Arco, una banca dati in cui la società della riscossione può acquisire le possidenze dei contribuenti sulle quali è tenuta a intentare azioni di recupero coattivo o a determinare l’inesigibilità dei carichi affidati. «Si tratta», sottolinea Ruffini, «di uno strumento fondamentale per l’attività di recupero coattivo che, anche in conseguenza degli interventi di miglioramento realizzati dall’Agenzia delle entrate nel corso degli anni, ha consentito agli agenti della riscossione di ricercare e analizzare gli elementi reddituali e patrimoniali essenziali per l’avvio delle azioni cautelari e esecutive sui beni dei debitori iscritti a ruolo». In questo contesto Equitalia torna quindi a chiedere l’accesso all’archivio dei rapporti finanziari. Per Ruffini questa prospettiva consentirebbe di massimizzare l’efficacia dell’azione di riscossione.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Le recessioni impattano sulle pensioni future. Ma un Pil allo zero virgola fa anche peggio. Un Paese...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

L’efficace contrasto al fenomeno mafioso sempre più pervasivo nel tessuto imprenditoriale ed econ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Parte la possibilità per le imprese di ottenere liquidità per un milione di euro a fronte di aumen...

Oggi sulla stampa