Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Rate di Equitalia precompilate

Rate con Equitalia sempre più facili. Per le posizioni debitorie fino a 50 mila euro, la cartella di pagamento includerà già tra gli allegati un piano di rateazione a disposizione del contribuente. E il taglio minimo della rata mensile scende da 100 a 50 euro, sempre per carichi iscritti a ruolo inferiori a tale soglia. Sono queste due delle ulteriori azioni che il gruppo di riscossione sta implementando al fine di favorire le rateazioni, che valgono per Equitalia circa il 50% degli incassi. Ad annunciare l’arrivo del documento precompilato con il piano di rateazione nella cartella è stata ieri la stessa Equitalia con un «tweet». La sperimentazione, già attivata nelle province di Varese, Firenze e Lecce, dovrebbe essere gradualmente estesa al resto del territorio nazionale. Chi preferisce estinguere il proprio debito pagando a rate, quindi, non dovrà fare altro che sottoscrivere la proposta e restituirla all’agente di riscossione. Per i debiti fino a 50 mila euro, d’altra parte, il beneficio della dilazione è pressoché automatico: il piano viene accordato a semplice richiesta del contribuente (che può trasmettere la domanda anche online), senza necessità di aggiungere ulteriore documentazione. In tali ipotesi, Equitalia concede la rateazione ordinaria fino a un massimo di 72 rate mensili (6 anni), con importi costanti o crescenti. Per le morosità superiori ai 50 mila euro, invece, è sempre richiesta la certificazione relativa all’Isee del nucleo familiare del contribuente per attestare la temporanea situazione di obiettiva difficoltà economica.

Valerio Stroppa

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Il Consiglio di Telecom Italia dà mandato all’ad Luigi Gubitosi di presentare insieme a Cdp, Sog...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Mediobanca compra un premio su l mercato per contare di più in Generali, salire virtualmente al 17...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Mediobanca rompe gli indugi e sostiene la propria linea su Generali rafforzando temporaneamente la ...

Oggi sulla stampa