Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Quelle sei banche italiane «sofferenti» ai piedi del Titano

Inchieste, banche commissariate, cda rimossi. E soprattutto, una montagna di crediti deteriorati che sta soffocando i bilanci di diverse banche del territorio. Sembra esserci quasi un filo rosso tra la crisi delle banche del Titano, oberate da 2 miliardi di Npl, e quella delle banche italiane che gravitano nelle province contigue a San Marino. Città come Rimini, Forlì o Cesena, luoghi caratterizzati da una delle concentrazione di sportelli bancari più alti d’Italia, dove nel corso degli ultimi anni, complice la crisi immobiliare e non solo, sono cadute una banca dietro l’altra, in un disastroso effetto domino.
Ogni caso fa storia a sé, in alcuni casi i legami con la Rocca sono più evidenti di altri, ma in tutti i casi gli anni di mala gestio – insieme alla crisi economica, che qui più che nel resto d’Italia ha messo alle corde l’immobiliare e fatto svalutare i valori delle garanzie – hanno finito per presentare il conto al capitolo crediti, sempre più deteriorati: è così che sono deflagrate queste crisi, è in questa stessa direzione che sembra instradato il piccolo ma affollato sistema bancario sanmarinese.
L’elengo è lungo. E va da piccole Bcc di una manciata di sportelli a gruppi più strutturati, che scendono lungo la dorsale adriatica come è Banca Marche. Gli ex vertici della banca adriatica, che oggi è sotto l’ombrello di Ubi, sono coinvolti in un doppio crac di due aziende “sorelle” di San Marino, la Make e la Titan Bagno, mentre l’ex potente dg, Massimo Bianconi, è stato rinviato a giudizio l’accusa di corruzione tra privati.
Altrettanto grave, sotto il profilo della governance, è il caso del Credito di Romagna, istituto su cui Banca d’Italia nel 2016 ha esercitato il potere di “removal”, ovvero di rimuovere i vertici. All’epoca la banca forlivese era finita nel mirino di Palazzo Koch per non aver adempiuto alle reiterate richieste di discontinuità manageriale. Una decisione, questa, che prima è stata sospesa dal Tar salvo poi essere confermata a fine settembre 2016.
Da un primato (negativo) a un altro. A stabilirlo è stata una Bcc, ovvero Banca Romagna Cooperativa: la piccola banca di Cesena è stata infatti la prima banca italiana a vedere da vicino il bail-in, evitandolo per un soffio. A salvare l’istituto, che era finito in amministrazione straordinaria, è stato a fine 2015 il Fondo di garanzia delle Bcc, a cui è succeduto l’acquisto da parte della Banca Sviluppo.
Oggi le attenzioni della Vigilanza sono concentrate però anche su altre banche locali. Se per Cariferrara, dopo un lungo periodo di commissariamento, è oramai in dirittura d’arrivo la finalizzazione dell’acquisto di parte di Bper (manca solo l’ok di Atlante per la cartolarizzazione degli Npl), ancora non è chiaro il destino di Carim e Caricesena: la prima, ricapitalizzata dal braccio volontario del Fitd per 280 milioni, è sulla strada del turn around, la seconda attende un aumento da oltre 100 milioni e la ripulitura degli Npl per poi essere venduta al migliore offerente. All’orizzonte sembra esserci Cariparma-Credit Agricole, che però non avrebbe ancora formalizzato alcuna offerta vincolante.

Luca Davi
Marco Ferrando

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Grosso com'è, che prima o poi il nodo venisse al pettine era inevitabile. E nodo è davvero il term...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La denuncia di Guglielmo Loy, presidente del consiglio di vigilanza dell’istituto «Due mesi pe...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Quasi 200 mila pratiche in giacenza, un terzo vecchissime, anche di marzo. E almeno 1,2 milioni di l...

Oggi sulla stampa