Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Purtroppo il peggio deve ancora arrivare

Come dicono alla Scuola di Chicago: nessun pasto è gratis. Invece, alla scuola della politica Italia ogni consumo è gratis, sia dei singoli politici sia dei loro partiti, associazioni, fondazioni e giornali. Anche per questo siamo in una nera recessione. Il problema è: chi paga il pasto gratis, che non è manna piovuta dal cielo. Intanto, il debito pubblico, prossimo ai 2 mila miliardi di , è destinato a non fermarsi per almeno tre cause: gli interessi passivi che fanno cumulo; i tagli alla spesa pubblica solo simbolici e sempre rinviati; le entrate tributarie in calo per la recessione. E allora che fare? Applicare la ricetta di Monti: tassare e tartassare, perché non sa fare altro, pur essendo un economista di fama (nazionale), coadiuvato da una schiera di ministri tecnici, che bisognerebbe pregare di star fermi per evitare danni e ancor più di star zitti per risparmiarci sproloqui. Ma il peggio deve ancora venire e lo vedremo in autunno, quando, dopo l’Imu, subiremo il rincaro dell’Iva, che affloscerà la domanda già debole con conseguenti calo della produzione e aumento della disoccupazione.

Se la coperta è corta è ovvio che rimangono all’aria o le spalle o i piedi e poiché non si può spiedare il soggetto, resterebbe solo di lasciarlo al freddo o meglio di allungare la coperta. Lo dice anche il premier, che, dopo aver abbattuto il cavallo, proclama che ora la crescita comincerà a correre. A piedi? Sia chiaro: nessuno si aspettava miracoli da un professore di economia, ma un miglior dosaggio delle terapie sì, se no era meglio incaricare una massaia. C’è un’inflazione di voci assordanti: stiamo nell’euro o è meglio uscirne? Difficoltà tecniche e costi a parte, la verità è che, dentro o fuori, le nostre magagne non cambierebbero, perché o riduciamo il debito pubblico con tasse «lacrime e sangue» o diamo un’accelerata al torchio di una neolira e allora l’inflazione, già ora oltre il 3%, diventerebbe incontrollabile e ritornerebbe il tasso a due cifre. E chi ne pagherebbe il conto? Risparmiatori, creditori e lavoratori.

In economia non si può vivere alla giornata; non si può pensare di girare un interruttore e fiat lux, perché l’economia ha tempi lunghi. Dal debito pubblico si rientra solo con la crescita del Pil, che richiede processi di medio-lungo periodo. L’assioma che i debiti si pagano con il reddito vale anche per l’economia pubblica e non c’è artificio inflazionistico che tenga, Ue o non Ue. I tedeschi dettano le regole e sono simpatici come i primi della classe, ma bisogna imitare i cavalli non gli asini, anche se questi sono più intelligenti dei primi. Per l’Italia è prima ancora un problema di strutture e di istituzioni. Se non le cambiamo – e non può essere un governicchio tecnico a farlo – siamo fermi al palo e lo stato resta insolvente.

Abbiamo tanti numeri: mettiamo gli zero dietro e non davanti alle cifre significative. La classe politica e la funzione pubblica sono proprio quegli zeri che impediscono ai numeri di manifestare il loro valore.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Un voluminoso dossier, quasi 100 pagine, per l’offerta sull’88% di Aspi. Il documento verrà ana...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La ripresa dell’economia americana è così vigorosa che resuscita una paura quasi dimenticata: l...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ancora prima che l’offerta di Cdp e dei fondi per l’88% di Autostrade per l’Italia arrivi sul ...

Oggi sulla stampa