Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Proroga in arrivo per Unico

Proroga ai versamenti di Unico, per chi presenta gli studi di settore, ufficializzata entro la fine della settimana. Dal dipartimento della Finanze del ministero dell’Economia arriva la conferma che il decreto della presidenza del Consiglio dei ministri che conterrà lo slittamento di 20 giorni dal 16 giugno al 7 luglio (il 6 luglio è domenica) è in via di redazione e sarà “legge” entro la fine della settimana. Di conseguenza, per chi pagherà dall’8 luglio al 6 agosto scatterà la penalità ridotta dello 0,4%, una ulteriore agevolazione per chi versa in ritardo: questo termine, peraltro, potrebbe subire un altro differimento al 20 agosto in ragione della consueta proroga di Ferragosto che fa slittare a questa data tutti i versamenti tributari in scadenza dal 1° al 20 agosto.
Se lo slittamento di Unico per gli studi di settore pare ormai certo, nessuna sicurezza sul rinvio del 730 – il termine per la consegna a Caf e professionisti scade oggi – che, per ora, non pare ricompreso nel novero della proroga. Anche se da parte delle categorie si manifesta possibilismo in quanto anche tale proroga era stata in discussione e non sarebbero venute meno le premesse per la sua concessione. Infatti, le categorie produttive, a partire da Rete imprese, avevano lamentato un pericoloso accavallarsi di scadenze – tra Tasi e imposte – con non poche difficoltà applicative. Aggravate dal fatto che i software operativi a oggi non sono ancora disponibili visto che il rilascio definitivo di Gerico è avvenuto solo mercoledì scorso. Anche il mondo delle professioni, commercialisti e tributaristi in primis, guardava con timore alle scadenze di giugno e attende di vedere confermata nero su bianco quella proroga che darebbe un po’ di ossigeno agli studi.
Da Rete Imprese arriva «soddisfazione per il fatto che sono state riconosciute le giuste richieste delle imprese» mentre si confida ancora anche sulla possibilità di slittamento per i versamenti legati al modello 730.
Da ricordare, tuttavia, che la proroga riguarderà solo il versamento e non la materiale presentazione della dichiarazione. Infatti, per chi presenta il modello Unico su carta il termine di presentazione resta quello del 30 giugno mentre per chi intende sfruttare la possibilità dell’invio telematico la scadenza resta fissata al 30 settembre.
Con ogni probabilità il Dpcm in arrivo dal Governo ricalcherà il provvedimento emanato nel 2013. L’anno scorso, tuttavia, la proroga arrivò proprio in zona Cesarini con un Dpcm datato 13 giugno e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale 139 del 15 giugno, il giorno prima del termine dell’adempimento.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Alla fine, dopo un consiglio sospeso e riaggiornato a ieri pomeriggio, l’offerta vincolante per l...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Scatta l’operazione-pulizia del Recovery Plan. Dal primo giro di orizzonte del gruppo di lavoro di...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Negli ultimi giorni, la stampa è entrata improvvisamente nel mirino di alcuni governi in Europa del...

Oggi sulla stampa