Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Pronto il piano Mps, poi la rete del governo

La palla è nelle mani del Monte dei Paschi. Il governo aspetta dalla banca un piano per la cessione delle sofferenze, chiesto dalla Bce, e sull’eventuale conseguente aumento di capitale «a condizioni di mercato», prima di stendere una possibile rete di garanzia sull’operazione. Il piano Mps, verrebbe annunciato prima di venerdì 29 luglio, quando saranno resi noti i risultati degli «stress test». Solo dopo, se si evidenziasse un’esigenza di capitale, il governo scoprirebbe le sue carte.

«È prima di tutto il mercato che deve lavorare per trovare una soluzione», si dice negli ambienti del Tesoro. Il ministro Pier Carlo Padoan e il governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco, torneranno a Roma solo lunedì dal G-20, ed è difficile che il governo possa prendere misure prima degli «stress test». Tutto fa pensare, invece, che possa farlo il prossimo fine settimana, tra il 30 e il 31 luglio, stendendo un’eventuale rete di sicurezza su Mps prima della riapertura dei mercati.

Il piano di rilancio di Mps, cui la Bce ha chiesto di smaltire 10 miliardi di sofferenze aggiuntive in un biennio, sarebbe stato esaminato già ieri, preliminarmente, dal Consiglio della Bce. Messo a punto dall’amministratore delegato Fabrizio Viola con gli advisor Mediobanca e Jp Morgan, che hanno sostituito Ubs e Citigroup, prevede la cessione di 27 miliardi di crediti lordi (9,7 netti) al fondo Atlante.

Sui conti della banca senese stanno lavorando in molti. In particolare, da qualche settimana è a Siena una task force di Fonspa-Credito Fondiario guidata da Panfilo Tarantelli. Sono una decina i professionisti che stanno valutando, una a una, le pratiche di finanziamento che appesantiscono i bilanci del Monte. Il nodo è rappresentato dalle garanzie prestate dalle parti finanziate, il valore di quei contratti e delle garanzie che li sostengono. Banca d’Italia ha evidenziato una serie storica che pone al 40% il prezzo ottenibile dagli Npl ( Non performing loans ) italiani, ma nel novembre scorso il mercato ha fissato un benchmark più basso: i crediti deteriorati delle quattro banche salvate (Marche, Etruria, Carife, CariChieti per cui ieri sono arrivate offerte vincolanti dai fondi Apollo e Lone Star), sono stati valutati al 17,5%. Difficile raddoppiare quella stima. Ma è proprio questo il punto, arrivare a incassare tra il 30 e il 35% del valore nominale. Il mandato a Fonspa arriva da Alessandro Penati e da Quaestio sgr, che interverrebbe con il Fondo Atlante (e non con Atlante 2, che non si fa a tempo a creare). Ma qui, dopo i salvataggi di Popolare Vicenza e Veneto Banca – costati 2.500 milioni – in cassa ci sono 1,75 miliardi: mancherebbe poco meno di un ulteriore miliardo per intervenire. Da Sga (ex Banco Napoli), Cdp, casse e fondi pensione dovrebbe arrivare la finanza fresca necessaria a colmare il gap .

Stefano Righi Mario Sensini

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

ROMA — Un’esigenza comune percorre l’Europa investita dalla seconda ondata del Covid-19. Mai c...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

ROMA — L’Italia è pronta ad alzare le difese, e si allinea con l’Unione europea, nei confront...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

MILANO — Nel giorno in cui il consiglio di Atlantia ha deliberato il percorso per uscire da Aspi, ...

Oggi sulla stampa