Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Profumo: banche, la Bce riveda il divieto sui dividendi in maniera selettiva

«Lo stop ai dividendi dovrebbe essere selettivo. Ci sono banche che ne hanno bisogno per la loro patrimonializzazione, altre meno. Crediamo che la Bce stia lavorando in tal senso». Lo ha affermato Francesco Profumo, presidente di Compagnia di San Paolo, primo azionista di Intesa Sanpaolo, a margine della presentazione del documento previsionale 2021 della fondazione torinese. L’ex ministro dell’Istruzione, oggi anche al vertice di Acri, si è detto «totalmente d’accordo» su quanto sottolineato più volte dal ceo di Intesa Sanpaolo Carlo Messina, e cioè che il congelamento dei dividendi, raccomandato dalla Bce alle banche nazionali, possa sottrarre risorse alle fondazioni e quindi ai territori di riferimento. «Abbiamo fiducia che qualcosa possa cambiare», ha ribadito Profumo. Per il 2021 Compagnia di San Paolo riuscirà comunque a mantenere alta l’asticella delle erogazioni, previste a quota 155 milioni di euro. Ma senza il supporto dei dividendi bancari (l’ultima cedola staccata dalla partecipazione in Intesa valeva 210 milioni) la fondazione dovrà reperire risorse dal fondo di stabilizzazione, nel quale l’ente non profit ha accantonato circa 360 milioni. «Il tema della possibile riduzione delle entrate ci vede impegnati a ragionare in modo ancora più strategico» ha spiegato Profumo sottolineando che le fondazioni non sono «più certamente un bancomat» e che Compagnia vuole essere una fondazione «europea filantropica e moderna» capace di unire «solidarietà e sviluppo. Intanto nelle vesti di presidente di Acri, Profumo sta lavorando con il governo, «in particolare con il Mef», per una revisione dell’imposizione fiscale dei dividendi a favore delle fondazioni e degli enti non profit. «All’interno di una riforma della fiscalità come quella prevista nel prossimo triennio — ha precisato — una rinegoziazione è possibile».

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Ultimo miglio con tensioni sul piano italiano per il Recovery Fund. Mentre la Confindustria denuncia...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Le diplomazie italo-francesi sono al lavoro con le istituzioni e con le aziende di cui Vivendi è un...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La tempesta del Covid è stata superata anche grazie alla ciambella di salvataggio del credito, ma o...

Oggi sulla stampa