Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

I profitti Cdp a 3,4 mld

Cassa depositi e prestiti ha realizzato nel 2019 un utile netto consolidato di 3,4 miliardi di euro, di cui 1,8 mld di pertinenza della capogruppo, e ha mobilitato risorse per 34,6 miliardi a supporto dell’economia italiana. Il totale attivo consolidato è ammontato a 448,7 miliardi. Cdp ha mobilitato a favore delle imprese 24,9 miliardi, con oltre 20 mila aziende servite. Altri 9,3 mld sono andati a favore di infrastrutture, p.a. e territorio con oltre 1.200 enti supportati.

Per Cdp spa le risorse mobilitate sono salite a 21,4 miliardi, l’utile netto è in crescita a 2,7 mld e il totale attivo è pari a 386 mld. La raccolta complessiva è stata di 356 miliardi. Poste italiane ha contribuito alla raccolta con 265 miliardi da buoni fruttiferi e libretti postali (+2,7%). Il risparmio postale ha messo a segno la migliore performance di raccolta netta Cdp degli ultimi cinque anni (+3,4 mld).

Intanto Cdp ha approvato il primo bilancio di sostenibilità. «Cassa depositi e prestiti ha chiuso il 2019 con importanti risultati, sia dal punto di vista economico-finanziario, sia soprattutto per la capacità di offrire supporto all’economia del paese, nei diversi settori produttivi e dei servizi, nel pubblico e nel privato, a favore dell’export e delle infrastrutture», ha osservato il presidente Giovanni Gorno Tempini. «Ci aspetta un 2020 di ancor più grande lavoro: Cdp è impegnata al massimo per offrire tutto il sostegno possibile al paese in un frangente così drammatico e difficile».

«Continua il sostegno di Cdp al paese con misure eccezionali, ora la sfida è la ripartenza», ha aggiunto l’a.d. Fabrizio Palermo. «Con il 2019 si è concluso il primo anno di piano industriale 2019-2021 con risultati finanziari molto positivi e importanti ritorni per i nostri azionisti. Il margine d’interesse, il margine d’intermediazione e l’utile sono cresciuti in modo significativo. Il gruppo sta continuando, di concerto con il ministero dell’economia, a sostenere con misure eccezionali le imprese, la pubblica amministrazione e lo sviluppo infrastrutturale».

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Con un’accelerazione tipica delle fasi critiche il sistema bancario sta ridefinendo la sua nuova g...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Siamo poco in ritardo » nella stesura del Recovery Plan italiano. Il premier Giuseppe Conte ammet...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Tre anni di pressoché continua crescita di dividendi globali andati in fumo in un colpo solo, in qu...

Oggi sulla stampa