Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Profitti Agricole sopra le attese

Utile netto trimestrale in calo del 43% su base annua a 1,07 miliardi di euro per il Crédit Agricole. Nello stesso periodo del 2016 la banca francese aveva incamerato profitti per 1,3 miliardi in seguito alla vendita della quota del 25% detenuta nelle banche regionali del gruppo. Il risultato si è dimostrato superiore alle stime degli analisti poste a 993 mln. L’utile netto sottostante, a esclusione di oneri straordinari, è invece sceso del 5,2%: il calo, secondo la Banque Verte, è in parte dovuto a un «ritorno a un’aliquota più normale ed efficace, che è aumentata dal 16,6% del terzo trimestre 2016 al 27% del terzo trimestre 2017». L’onere fiscale sottostante è aumentato dell’85,7% a 364 milioni. I ricavi hanno messo a segno un incremento del 22% a 4,58 miliardi, mentre quelli sottostanti sono cresciuti del 3,5%. Il Core Tier 1 si è attestato al 12%.

In Italia, nei primi nove mesi, l’istituto transalpino ha conseguito un risultato netto aggregato gestionale di 588 milioni di euro, in progresso del 22,5% su base tendenziale. I ricavi sono aumentati del 6,5% a 2,395 miliardi. Il totale dei depositi e fondi clienti, includendo le masse gestite e l’attività di banca depositaria, si è attestato a 133,8 miliardi. Il solo gruppo Credit Agricole Italia ha riportato un utile netto di 186 milioni di euro, stabile rispetto a dodici mesi prima. Al netto degli oneri straordinari, l’utile netto gestionale è ammontato a 204 milioni (+4%). Ricavi poco mossi a 1,289 miliardi, con le commissioni inmiglioramento del 7%. Le masse intermediate dal gruppo hanno raggiunto quota 136 miliardi, trainate dalla crescita di impieghi (+3% a 39 mld), raccolta diretta (+7% a 41 mld) e risparmio gestito (+9% a 30 mld).

Sul fronte della qualità del credito, l’istituto guidato dall’a.d. Giampiero Maioli ha confermato una limitata incidenza delle sofferenze su crediti netti (3,1%), che si mantiene tra le migliori sul mercato. In progressivo miglioramento anche i livelli di copertura (58,2% sulle sofferenze), mentre prosegue il trend di riduzione dei nuovi ingressi a deteriorato (-45%). Il Cet1 era all’11,3% e il Total Capital al 13,7%.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Segnali contrastanti sul fronte Atlantia-Cdp. L’opinione prevalente è che la cordata coagulata in...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Non si tratta solo di scegliere una nuova data a partire dalla quale si potrà di nuovo licenziare. ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La proroga del Temporary Framework europeo (il Quadro temporaneo sugli aiuti di Stato) consentirebbe...

Oggi sulla stampa