Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Processo telematico, valido l’atto che ottiene lo scopo

L’uso della telematica nel processo civile, se da una parte ha semplificato il sistema e in fase pandemica ha evitato il blocco delle attività, dall’altra ha aperto un nuovo contenzioso, alimentato, dallo scorso 31 marzo, anche dal debutto del digitale in Cassazione. Tanti i nodi sciolti dai giudici.

Le notifiche

Principio base, anche nel telematico, è quello contenuto nell’articolo 156 del Codice di procedura civile, che salva dalla nullità gli atti formalmente viziati se hanno comunque raggiunto il loro scopo. Così, sulla scia della pronuncia della Cassazione a Sezioni Unite 23620/2018, è valida l’opposizione a decreto ingiuntivo che sia formata su supporto digitale (nativa digitale) e contenga la sottoscrizione digitale, anche se manca la firma telematica dell’atto allegato alla notifica telematica. Sottoscrizione digitale o asseverazione di conformità all’originale sono, infatti, necessarie solo quando la copia informatica sia estratta per immagine da un documento analogico (Tribunale di La Spezia 429/2020).

Sfugge alla nullità anche la copia notificata dell’atto di citazione priva della firma del difensore purché si possa desumere la sua provenienza da un legale abilitato munito di mandato (Cassazione 8815/2020). E l’attestazione di conformità all’originale della procura alle liti si può produrre contestualmente all’iscrizione a ruolo e al deposito del fascicolo telematico anche se la notifica dell’atto introduttivo è avvenuta mezzo Pec.

Ammessa, inoltre, la notifica telematica del duplicato informatico senza attestazione di conformità perché, a differenza della copia informatica, ha la stessa “impronta”, ed è quindi copia autentica, dell’esemplare presente nella cancelleria telematica (Cassazione 7489/2021).

I depositi

Nel processo telematico il deposito degli atti si perfeziona con l’emissione della seconda Pec, ossia della ricevuta di avvenuta consegna da parte del gestore della Pec ministeriale, ma è subordinato all’esito positivo dei controlli automatici e manuali di terza e quarta Pec (Cassazione 1956/2021).

Tuttavia, non è sempre facile individuare il momento esatto del deposito con tutte le conseguenze sull’eventuale tardività. Per i giudici, ad esempio, il deposito di un reclamo è tempestivo se la ricevuta di consegna risulti generata entro la fine del giorno di scadenza non rilevando come data di proposizione quella della registrazione in cancelleria (Cassazione 28670/2020).

Irregolare, invece, il deposito telematico di una memoria contenuta in un documento illeggibile non rispettoso delle regole tecniche che per gli atti telematici esigono il formato pdf. In questo caso, quindi, il giudice potrà legittimamente disattendere la richiesta di rimessione in termini formulata dal depositante (Cassazione 28721/2020).

A ogni modo, l’avvocato che non può procedere al deposito telematico dell’atto notificato in base all’articolo 3-bis della legge 53/94 può estrarre su supporto analogico la copia del messaggio Pec, dei suoi allegati nonché della ricevuta di accettazione e di consegna e poi attestare la conformità dei file ai documenti informatici da cui li ha tratti (Cassazione 2316/2021).

In Cassazione

Ricorso per cassazione procedibile se si deposita copia analogica della pronuncia impugnata – predisposta in originale telematico e notificata via Pec – priva di attestazione di conformità, o con attestazione non firmata, qualora la controparte ne depositi una copia analogica autentica o non ne confuti la conformità a quella originale (Cassazione 9951/2021).

Se, viceversa, controparte sia rimasta intimata o abbia effettuato il disconoscimento, il ricorrente ha l’onere di depositare entro l’udienza l’asseverazione di conformità all’originale della copia analogica (Cassazione, Sezioni Unite, 8312/2019). Ecco perché, nella vicenda risolta da Cassazione 8097/2021, viene sancita l’improcedibilità di un ricorso per il mancato deposito della decisione contestata in copia analogica con asseverazione di conformità comprensiva della comunicazione di cancelleria.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

La guerra dell’Unione europea contro le "Big Tech" è ormai partita. E sembra non fermarsi. Ieri ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Via il carcere per punire i giornalisti che diffamano, datato 1948, quando vide la luce la legge su...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La prima tranche del Recovery Fund si avvicina alle casse del Tesoro italiano. Un assegno da circa ...

Oggi sulla stampa