Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Processo telematico a quota 170mila atti

Solo il 7% dei ricorsi presentati attraverso il processo amministrativo telematico(Pat) non va a buon fine. Spesso per disattenzione dell’avvocato, che si dimentica, per esempio, di allegare l’atto da depositare: è successo nel 40% dei casi dei procedimenti rifiutati dal Pat.
Se si considera che sino a qualche mese fa la percentuale di insuccessi del processo telematico presso Tar e Consiglio di Stato era del 21%, si può guardare con ottimismo alla digitalizzazione del contenzioso, che ha mosso i primi passi il 1° gennaio scorso.
«È forse un po’ presto per un vero e proprio bilancio – sottolinea Mario Torsello, segretario generale della giustizia amministrativa – ma dobbiamo già constatare che non ci sono stati grossi problemi, né tecnici né organizzativi». E questo ha permesso agli avvocati di depositare, nei primi otto mesi e mezzo di Pat, oltre 170mila tra ricorsi e documenti digitali.
Una «piccola-grande rivoluzione», che ha comportato l’addio alla carta, sulla quale Torsello terrà oggi a Venezia una relazione nel corso del seminario internazionale delle supreme corti amministrative di tutto il mondo (Aihja) , appuntamento che si è aperto ieri e che ritorna in Italia dopo 22 anni.
«La trasformazione del processo amministrativo in processo telematico – afferma Alessandro Pajno, presidente del Consiglio di Stato – produce molteplici, importanti benefici: genera un significativo risparmio dei costi, incrementa la trasparenza e migliora l’accesso alle informazioni; rende, in generale, più rapido ed efficiente il sistema».
«Dai dati raccolti – aggiunge Franco Frattini, che rappresenta il Consiglio di Stato nell’Aihja – emerge che il nostro Paese ha realizzato un percorso di informatizzazione del processo amministrativo con risultati eccellenti, anche in confronto a molti altri Paesi».
Il seminario permette, infatti, di raffrontare le diverse esperienze. Così si scopre che da noi tutti i ricorsi devono essere presentati in formato digitale (per il momento è rimasto il deposito di una copia cartacea della causa, che però non ha valore legale e sparirà dal prossimo anno). La Finlandia si avvicina ai nostri standard: è digitale l’85% del contenzioso. In Francia, invece si scende al 60% in primo grado, per risalire al 90% in secondo grado e al 70% nell’ultimo grado. In Austria viaggia online solo il 20% delle cause, in Svizzera lo 0,5%, nella Repubblica Ceca il 33%. Nel nostro Pat tutti i documenti del ricorso devono essere trasmessi in via telematica. Non così in Francia, Spagna, Austria, Cina, Svizzera, Canada, Finlandia, Repubblica Ceca e Messico.
Il processo telematico nostrano, inoltre, consente alle parti di consultare online gli atti e di seguire da remoto l’evoluzione del processo. Questo accade anche in Francia, Cina, Canada e Messico, ma non, per esempio, in Austria, Svizzera e Finlandia.

Antonello Cherchi

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Cinque nomi nuovi, a partire da Andrea Orcel, cinque conferme (più Pier Carlo Padoan, cooptato da p...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Francesco Gaetano Caltagirone segue le orme di Leonardo Del Vecchio e, dopo anni passati ad arrotond...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Zero profitto, zero dividendo: così la Bundesbank ha chiuso il bilancio 2020, un bilancio pandemico...

Oggi sulla stampa