Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Processi civili, Italia spaccata

Oltre 1.700 giorni: è la differenza di tempo che passa tra la risoluzione di un contenzioso al tribunale di Aosta e quello di Lamezia Terme. Ovvero, oltre quattro anni e mezzo separano il tribunale più veloce d’Italia e quello più lento: ad Aosta la giacenza media è infatti pari a 320 giorni, mentre a Lamezia Terme, che risulta l’ultimo tra i 139 tribunali italiani, di giorni ce ne vogliono oltre 2 mila. In generale, poi, in quasi 100 tribunali d’Italia su 139 una lite dura in media più di due anni. Con una giacenza media pari a 965 giorni e una percentuale di procedimenti fermi sulla scrivania da più di tre anni del 37%. Inoltre, se da un lato la performance complessiva della giustizia civile è migliorata del 5% all’anno negli ultimi cinque anni, dall’altro una durata di due anni e mezzo in primo grado e di quasi nove anni compresi i tre gradi di giudizio, relegano l’Italia a un abisso di distanza dai benchmark internazionali. È quanto emerge dallo studio «Misurare la performance dei tribunali», elaborato nell’ambito dei lavori dell’Osservatorio per il monitoraggio degli effetti sull’economia delle riforme della giustizia, presieduto da Paola Severino, e pubblicato ieri sul sito del Mingiustizia. Secondo l’indagine, che si è concentrata su circa 2 milioni di cause complesse (contenzioso di tribunali) pendenti al 31 dicembre 2013 su un totale di 5 milioni di ogni grado e ufficio, la variabilità della performance tra i 139 tribunali italiani è molto elevata. Tra i grandi tribunali, troviamo Torino tra i migliori al settimo posto, con una giacenza media pari a 424 giorni e un’incidenza degli ultra triennali pari al 6,4%. Buona anche la performance del tribunale di Milano, in seconda fascia con una durata media di 545 giorni e il 14,7% dei contenziosi giacenti da oltre tre anni. Più giù Roma, in coda alla fascia intermedia con una durata pari a 693 giorni e un indice ultra triennale del 18,5%. Le liti che durano di più sono quelle che riguardano le successioni, seguite dalla responsabilità extracontrattuale. Per diritti reali, possesso, trascrizioni, ci vogliono 1.451 giorni, per contratti e obbligazioni 1.260.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

L’esordio di Andrea Orcel come ad di Unicredit, uscita con un utile trimestrale doppio rispetto al...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Vittorio Colao, ministro per l’Innovazione tecnologica, non fa suo il progetto per una rete unica ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Un blitz della Ragioneria generale dello Stato evita un "buco" di 24 miliardi nel decreto "Sostegni ...

Oggi sulla stampa