Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Privatizzazione Fs entro fine 2015

Il governo vuole rilanciare la privatizzazione delle Ferrovie dello Stato, rimasta finora impantanata nelle secche dello scontro tra i vertici del gruppo. E così, entro la prima metà di dicembre, il ministero dell’Economia conta di aver già individuato gli advisor finanziario e legale che seguiranno l’operazione. Le lettere indirizzate alle principali banche d’affari – alcune delle quali avevano già partecipato, a fine settembre, a un primo giro di ricognizione sull’operazione, presieduto dal capo della segreteria tecnica del Mef, Fabrizio Pagani – partiranno nei prossimi giorni con l’obiettivo, per l’appunto, di imprimere un colpo d’acceleratore al dossier. Non a caso, ieri, si è svolto a Via XX Settembre un incontro, promosso dal ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, e dal collega delle Infrastrutture, Maurizio Lupi, con la prima linea di Fs (l’ad Michele Mario Elia e il presidente Marcello Messori), gli staff dei rispettivi ministri e gli uffici competenti, per riprendere in mano il percorso di valorizzazione del gruppo.
Il vertice di ieri è stata anche l’occasione per costituire ufficialmente il gruppo di lavoro congiunto – del quale il Mef aveva dato notizia nei giorni scorsi -, che servirà a predisporre tutte le misure necessarie per l’apertura del capitale di Fs ai soci privati (inclusi tutti gli aspetti regolatori). L’esecutivo lavora a condurre in porto l’operazione entro la fine del 2015, anche perché la valorizzazione del gruppo rappresenterà uno dei principali tasselli del piano di privatizzazioni che dovrebbe arrivare a traguardo il prossimo anno. Lo stesso ministro Padoan, nella nota diffusa ieri dopo la riunione al Tesoro, ha auspicato che «l’approdo delle Ferrovie sul mercato avvenga in tempi rapidi. È una importante occasione per valorizzare un’azienda che ha dimostrato di essere motore di modernizzazione del paese». Mentre Lupi ha sottolineato che «la collocazione di Fs sul mercato è il riconoscimento del valore di un’azienda che ha saputo svolgere il ruolo di servizio pubblico e nel contempo ha dato dimostrazione di efficienza».
La macchina per la privatizzazione di Fs dovrebbe a questo punto ripartire dopo il rallentamento dovuto alla difficile dinamica tra l’ad Elia e il presidente Messori. Quest’ultimo, all’atto delle nomine, aveva ricevuto dal governo la delega alla privatizzazione, poi rimessa nelle scorse settimane insieme alle altre (relazioni esterne e istituzionali nonché la definizione delle strategie), a eccezione del controllo interno. Deleghe trasferite poi dal Mef al numero uno Elia proprio per superare l’impasse di questi mesi.
Sempre ieri anche il presidente di Poste, Luisa Todini, è tornata sulla privatizzazione della società dei recapiti, rinviata al prossimo anno. «Ci stiamo preparando, siamo pronti ma si definirà il tutto con l’azionista, gli stakeholder e il mercato», ha chiosato il presidente. In realtà, molte partite cruciali per definire il valore di Poste sono ancora aperte: a partire dal negoziato sulla revisione delle regole per il servizio universale. L’unica cosa che Poste ha ottenuto sinora è il taglio della remunerazione annua riconosciuta dal Tesoro da 380 a 260 milioni, almeno stando a quanto previsto nell’impianto della legge di Stabilità. E poichè questa vicenda è determinante anche per la stesura del piano industriale, Caio ha dovuto rinviarne la presentazione al prossimo anno. Tra i vari temi sul tavolo c’è anche la firma della nuova convenzione con la Cdp. A questo proposito Todini ha detto: «Siamo in fase di risoluzione avanzata. Le prossime due settimane saranno estremamente importanti per il piano industriale».
Nel frattempo il ministro per l’Economia, Pier Carlo Padoan, ha confermato che «Poste e Invitalia hanno in corso i primi contatti» per verificare la possibilità del passaggio del capitale della Banca del Mezzogiorno «dalla prima alla seconda società».
Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Non ha tempi, non ha luoghi, non ha obbligo di reperibilità: è lo smart working di ultima generazi...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Sono entusiasta di essere stato nominato ad di Unicredit, un’istituzione veramente paneuropea e ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il primo annuncio è arrivato all’ora di pranzo, quando John Elkann ha rivelato che la Ferrari pre...

Oggi sulla stampa