Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Private banking, Italia meglio della Ue

Il 2016 in Europa è stato un anno molto sfidante per il private banking, con riduzione dei profitti del settore (per la prima volta dalla crisi del 2007) dovuta a una limitata crescita delle masse (3%, guidata per il 2% da performance e solo per l’1% da nuova raccolta) e margini di profitto in calo (23 punti base nel 2016 contro i 25 nel 2014) per effetto di una contrazione dei ricavi (da 81 a 77 bps). Sono alcune delle evidenze messe in luce dal rapporto sul settore da McKinsey. E in Italia? «La dinamica è stata simile a quella europea sulla crescita (+2%, quasi per effetto di nuova raccolta) e sostanzialmente in linea con gli anni scorsi sulla redditività (margine di profitto a 31 bps)- ha precisato Giorgio Libotte, associate principale di MicKinsey. – Ma per il primo semestre del 2017, invece, le nostre stime preliminari mostrano un tasso di crescita delle masse molto positivo, pari a circa il 4-5%, quasi interamente per effetto di flussi di raccolta». Come spiega Libotte, il Trend positivo è guidato anche da dinamiche specifiche del mercato italiano, come la commercializzazione dei PIR, prodotto di successo per struttura e i suoi incentivi fiscali. L’effetto performance ha invece giocato un ruolo marginale anche a causa della limitata esposizione ai mercati azionari della clientela private. «La crescita di questi ultimi mesi non deve però far dimenticare alcune forze di mercato che -aggiunge Libotte – stanno rendendo più difficile il contesto, in un mercato in cui molti operatori stanno continuando a investire». Generare valore per il cliente in un contesto di tassi bassi non è facile. Tre le strategie in gioco: spinta verso prodotti con orizzonte di investimento più lungo (oltre i 5 anni) e verso asset class alternative (credito e real estate). In particolare, tale trend è rilevante in un contesto come quello post Mifid2 che richiede maggiore trasparenza su costi e commissioni. In secondo luogo la capacità di fornire servizi aggiuntivi oltre alla consulenza sugli investimenti, ad esempio su wealth planning e gestione del rischio, in particolare per fascia alta di mercato. Infine, spinta verso la digitalizzazione e multicanalità. Non ultimo, una più accentuata gestione dei talenti.

Lucilla Incorvati

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«Nel governo stiamo ancora ragionando.Ci sono Paesi, come quelli del nord Europa, che hanno fissat...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

L’ennesima ripartenza per “l’araba fenice” d’acciaio. Probabilmente l’ultima, l’ultim...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Sulla prescrizione, tra Cartabia e Bonafede, un accordo si sta profilando come possibile. Può regg...

Oggi sulla stampa