Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Pressing del Colle sì lampo alla manovra poi Renzi si dimette Alfano: voto a febbraio

La crisi del governo Renzi è congelata solo per pochi giorni. Il tempo necessario a consentire l’approvazione (con la fiducia) della legge di Stabilità anche al Senato, con un blitz di poche ore. Già domani, al più tardi venerdì. Il capo dello Stato Sergio Mattarella invita il premier uscente a «soprassedere », Renzi accetta dopo insistenze «per senso di responsabilità » ma entro la settimana la partita per lui deve essere chiusa. Del resto aveva annunciato le dimissioni già nella notte della disfatta di domenica. Ora vuole elezioni a breve.
Il segretario pd sale al Colle una prima volta in mattinata, per un colloquio protrattosi per un’ora e mezza. «Ci sono impegni e scadenze di cui le istituzioni dovranno in ogni caso assicurare il rispetto», sottolinea il presidente della Repubblica, come poi evidenziato anche nella nota ufficiale diramata dal Quirinale. Poi si vedono di nuovo in serata, dopo il Consiglio dei ministri di soli dieci minuti nel corso del quale il capo del governo ha ribadito l’intenzione di lasciare Palazzo Chigi, senza ulteriori tentennamenti, dopo un brindisi coi ministri con cui ha dichiarato conclusa l’esperienza di governo. Entro domani dunque la manovra – già approvata alla Camera – potrebbe ottenere il sì del Senato, senza alcuna modifica (per evitare la navetta). Ma occorre la fiducia di un governo in carica. Sempre a domani è stata rinviata la direzione Pd, prevista per oggi, per quella resa dei conti interna che il segretario intende affrontare prima possibile. E a quel punto (o al più tardi venerdì, dopo la festività dell’Immacolata), Renzi salirà al Colle, questa volta per le dimissioni irrevocabili. «Ma non si dimetterà da segretario » anticipa Matteo Richetti. Il ministro Angelino Alfano conferma il timing: «Se dovessi puntare una fiche, direi che questa legislatura volge al termine, andiamo a votare a febbraio».

Umberto Rosso

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Vietato giocarsi il futuro del Paese, usando la giustizia come pericoloso terreno di conflitto. O pr...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

C’è una gag, in vita Arenula. La riforma del processo civile, la più importante di tutte perché...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Da quando ha messo piede in via Arenula il 13 febbraio la giurista Marta Cartabia ha perseguito un o...

Oggi sulla stampa