Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Prepensionamenti, bonus da Ias 19

La revisione del principio contabile Ias 19 rende per le società particolarmente interessante introdurre eventuali programmi del tipo post employment (destinati cioè a garantire prestazioni successivamente alla cessazione dal servizio) prima dell’entrata in vigore di tale revisione (prevista per il 1 gennaio 2013).
Sotto certi aspetti le prestazioni stabilite nei primi sette commi dell’articolo 4 della Riforma Fornero in materia di lavoro (legge 92/2012) possono essere classificate nell’ambito di tale categoria di programmi. L’attuale Ias 19, infatti, stabilisce che quando una società introduce per la prima volta nuove prestazioni a favore dei propri dipendenti di tipo post employment, l’iniziale passività corrispondente agli impegni assunti nei confronti degli aventi diritto (calcolata alla data in coincidenza con la quale l’obbligazione è stata introdotta) rappresenti, per la quota relativa ai diritti non completamente acquisiti, una posta fuori bilancio da ammortizzare a conto economico lungo un periodo pari a quello medio futuro nel corso del quale gli aventi diritto rimarranno presumibilmente in attività di servizio.
Completamente differente è il trattamento contabile stabilito ora dal nuovo principio contabile (lo Ias 19R). Dal 1 gennaio 2013 in poi, infatti, l’iniziale passività dovrà essere riconosciuta interamente a conto economico nell’anno in cui l’obbligazione sorge. Il trattamento contabile previsto in futuro per le prestazioni del tipo post employment coinciderà nella sostanza con quello attualmente previsto nei confronti delle prestazioni del tipo termination benefits, quelle cioè che lo Ias 19 classifica tra le prestazioni erogate per la cessazione dal servizio a seguito di una decisione della società di interrompere l’attività lavorativa di un dipendente che non abbia raggiunto l’età per il pensionamento di vecchiaia, oppure per la decisione assunta da un dipendente di accettare un’offerta presentata dalla società che determina la risoluzione del rapporto di lavoro. Anche per tali prestazioni, infatti, lo Ias 19 stabilisce attualmente che l’iniziale passività sia riconosciuta interamente nell’anno d’introduzione del programma. Un’altra importante modifica è stata prevista dal principio Ias 19R nei confronti delle poste che al 31 dicembre 2012 risultano essere ancora fuori bilancio. Tali somme non saranno più ammortizzate a conto economico (come previsto sulla base del previgente Ias 19), ma rappresenteranno esclusivamente una rettifica da apportare nei bilanci al patrimonio netto accantonato all’1 gennaio 2013.
L’articolo 4 della legge Fornero (dal comma 1 al 7) stabilisce che, nei casi di eccedenza di personale, l’azienda possa stipulare con le organizzazioni sindacali uno o più accordi che prevedano, al fine di incentivare l’esodo dei lavoratori più anziani, la cessazione dal servizio di una serie di dipendenti che raggiungano i requisiti per il pensionamento di vecchiaia (o anticipato) nei quattro anni successivi alla data dell’interruzione del rapporto di lavoro. Nei confronti di tali dipendenti la società si impegna a corrispondere una prestazione di importo pari al trattamento di pensione che spetterebbe loro sulla base delle regole vigenti, nonché la contribuzione figurativa all’Inps sino al raggiungimento dei requisiti minimi previsti per il pensionamento. Tali prestazioni, ad alcune condizioni, possono essere considerate del tipo post employment benefits e non essere incluse tra i termination benefits (con un trattamento contabile, appena descritto, completamente differente).
A tal fine però risulta fondamentale che le società prevedano, in linea con quanto stabilito dallo Ias 19 per i programmi del tipo post employement, alcuni elementi, tra i quali, la categoria di dipendenti eventualmente aventi diritto alle prestazioni, la durata temporale lungo il quale le prestazioni sono garantite, le modalità di accesso alle prestazioni, ecc. Ma determinante risulta anche essere il recepimento formale delle disposizioni emanate dalla Legge Fornero entro il 31 dicembre 2012.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Nonostante la pandemia tante aziende hanno deciso o subìto il lancio di un’Opa che le porterà a ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Peugeot-Citroën ha annunciato di aver parzialmente rimarginato le ferite della prima parte dell’a...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Meno macchine, meno motori termici, e un ritorno al futuro nei modelli. Ecco la ricetta del nuovo am...

Oggi sulla stampa