Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Premio alla crescita: promossi 54 Paesi dalle agenzie di rating

di Chiara Bussi

Non ci sono solo sonore bocciature nelle pagelle dei rating sovrani. Dal 2008 a oggi, nel pieno della crisi, 54 Paesi hanno navigato controvento e sono stati promossi da almeno un'agenzia di rating. In dodici hanno addirittura fatto l'en plein: Brasile, Bolivia, Filippine, Ecuador, Uruguay, Colombia, Giamaica, Indonesia, Hong Kong, Libano, Israele e Angola hanno incassato voti più alti da tutte e tre le "sorelle" Moody's, Standard and Poor's e Fitch.

Nel registro della prima agenzia – che sta esaminando la situazione italiana in vista di un possibile declassamento entro la fine di ottobre – sono 28 i Paesi che hanno avuto un miglioramento del giudizio di lungo termine. Quattro hanno persino inanellato due promozioni. Standard and Poor's, che la scorsa settimana ha tagliato a sorpresa il rating italiano, ha invece premiato 38 Paesi e in ben 12 casi si è trattato di un rialzo a più riprese. Fitch, infine, ha fatto tirare un sospiro di sollievo a 30 governi dal 2008 a oggi.

Se nelle super-pagelle (aggiornate a metà settembre) non c'è traccia dei tradizionali primi della classe dell'Eurozona, che non possono più adagiarsi sugli allori della tripla A, i Paesi più promettenti sono oggi in Sudamerica, nel Golfo e nella nuova Europa. «Le promozioni – fanno notare da Moody's – sono il risultato di una serie di fattori, tra i quali la maggiore crescita economica e il miglioramento della situazione di bilancio». In numerosi casi i voti restano ancora bassi, molto spesso a livello di speculative grade, dove il credito è ancora a rischio, ma qualcuno è già riuscito ad approdare nel club della "A", dove invece si registra un'adeguata capacità di rimborso del debito. È il caso del Cile, che Moody's ha premiato a due riprese, nel 2009 e 2010, e ora può esibire un giudizio Aa3, il più alto dell'America meridionale. Una pagella, spiegano dall'agenzia, «che riflette una forte solidità di bilancio e l'ampio consenso politico».

Anche Hong Kong ha buoni motivi per festeggiare: la regione amministrativa speciale ha incassato una promozione piena da tutte e tre le agenzie. Il miglior giudizio è arrivato da Standard and Poor's, che nel dicembre 2010 l'ha ammessa nel gruppo esclusivo della AAA. Tra le motivazioni S&P cita le solide riserve fiscali del Governo e la forte crescita potenziale.

Si sono impegnati e sono stati gratificati (con esiti diversi) anche gli ultimi arrivati nell'Unione europea. Tra le dodici promozioni che Fitch ha dispensato quest'anno, ben tre sono andate a loro. L'Estonia ha guadagnato un A+, Lettonia e Romania si sono dovute accontentare del rating BBB-, comunque in miglioramento. Una pagella – dicono dall'agenzia – che riflette il miglioramento della situazione economica: «Questi Paesi si stanno riprendendo e stanno ricominciando a crescere, hanno fatto progressi nella riduzione degli squilibri di bilancio e stanno mettendo a punto politiche fiscali credibili. Restano però alcuni rischi legati alla crisi dell'area euro, importante partner commerciale».

Non poteva mancare nelle promozioni la Cina. Dal 2008 a oggi Pechino è stata premiata da Moody's e a due riprese da S&P. La meno ottimista sul Paese appare Fitch, che aveva alzato il giudizio nel 2007 con una valutazione che è un gradino sotto alle altre agenzie e dallo scorso aprile ha cambiato le prospettive da «stabili» a «negative», puntando il dito contro il deficit delle partite correnti e l'alta inflazione.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Almeno per ora il pericolo è scampato. Ma è difficile capire quanto ancora la rete di protezione l...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Mario Draghi ha deciso di scrivere personalmente il nuovo Recovery Plan italiano. Lo farà insieme a...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Gli sherpa sono al lavoro per invitare Mario Draghi nella capitale francese. Emmanuel Macron vorrebb...

Oggi sulla stampa