Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Premier in campo sul dossier Alitalia-Atlantia

L’ipotesi Atlantia in Alitalia tiene banco. Con un battibecco tra Matteo Salvini e Luigi Di Maio e l’intervento del premier, Giuseppe Conte, per sbloccare il piano di salvataggio. Ieri anche un vertice al Mise con i commissari di Alitalia.

«Faremo a breve una riunione a Palazzo Chigi perché dobbiamo chiudere quel dossier» ha detto Conte. «I ministri competenti, in particolare Di Maio, con il coinvolgimento del ministro dell’Economia ci stanno lavorando. È un dossier molto complesso, che richiede una pluralità di sensibilità e competenze, anche quella dei Trasporti». Conte ha aggiunto: «Per le conclusioni faremo sicuramente un tavolo a Palazzo Chigi. Vogliamo rilanciare la compagnia di bandiera, ma lo vogliamo fare con un piano industriale e stiamo lavorando a questo».

La mossa di Conte si spiega perché per convincere Atlantia a entrare nella cordata guidata da Fs occorre una tregua con il governo, dopo le tensioni per il crollo del ponte autostradale di Genova. Alla holding dei Benetton è stato chiesto di mettere circa 300 milioni. Questo consentirebbe di arrivare al 100% del capitale della «newco Alitalia» (ora c’è il 60%) e fare un’offerta vincolante entro il 30 aprile. La società dei Benetton si dice «non interessata ad Alitalia». Ma è dialogante sul dossier, sottopostole da Mediobanca, consulente di Fs.

È il M5S che deve superare le riserve su Atlantia. «Aspetto i fatti ma Di Maio sta facendo bene, gli faccio i complimenti», ha detto Salvini. Di Maio ha replicato: «Non ho notizie di nessun vertice a breve, mi fa piacere che tutti vogliano vedere i fatti, peccato che quelli che vogliono vedere i fatti parlino soltanto». Ha suscitato clamore la nota quotidiana di Mediobanca Securities – diffusa ieri dall’Ansa – che sconsiglia Atlantia dal mettere soldi nella compagnia. «Qualsiasi investimento in Alitalia sarebbe ad alto rischio considerata la forte influenza della politica sul management della società e i poveri precedenti. Ricordiamo che Atlantia ha già investito 300 milioni in Alitalia e che gli investimenti sono stati completamente svalutati».

Mediobanca, che è advisor delle Fs, ha precisato che le valutazioni dell’analista di Mediobanca Securities non riflettono in alcun modo la posizione e il giudizio di Mediobanca sull’argomento. Mediobanca rimane impegnata come consulente di Fs per il completamento del consorzio di azionisti che possa rilanciare la compagnia. Nel primo trimestre il fatturato passeggeri di Alitalia è aumentato dell’1,4 per cento.

Gianni Dragoni

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

L’attenzione è catturata dalle festività, ma il «caso» Italia è destinato a tenere ancora sce...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il primo contatto concreto c’è stato a fine marzo. Negli Stati Uniti. Durante il viaggio che Luig...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Non è obbligatoria la trasmissione allo Sdi (Sistema di interscambio) della cosiddetta autofattura,...

Oggi sulla stampa