Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Premiato chi rispetta la legalità

di Matteo Rigamonti 

Un rating sulla legalità dell'impresa, che consenta un accesso agevolato al credito bancario e alla concessione dei finanziamenti pubblici. È questa la novità di un emendamento firmato dalla senatrice Elisabetta Alberti Casellati e approvato lunedì in commissione industria al Senato al dl liberalizzazioni (dl n. 1/2012). Con la modifica si incarica l'Autorità garante della concorrenza e del mercato in raccordo con il ministero della giustizia e dell'interno di elaborare il rating di legalità per le imprese che operano in Italia. Il rating sarà un valore in più per l'impresa nel momento in cui si tiene conto della concessione di finanziamenti pubblici da parte delle p.a. e in sede di accesso al credito bancario. «L'introduzione di un rating di legalità per le imprese è un segnale che lanciamo al paese e al mondo imprenditoriale. È uno stimolo a credere che il contrasto alla criminalità, le attività di denuncia e di resistenza al racket non sono fine a se stesse, ma rappresentano un valore, un bene prezioso». È quanto dichiarato dalla senatrice Pdl Casellati. È prevista anche l'istituzione presso l'autorità Antitrust di un albo per le imprese.

Diverse sono le novità contenute nel testo del decreto: introdotti venti nuovi posti all'Antitrust; le ipoteche sui vecchi mutui saldati prima della «lenzuolata Bersani» del 2006 sono cancellate automaticamente, senza dover passare dal notaio e senza spese; introdotte poi la calendarizzazione dello scorporo di Eni da Snam e di Fs da Rfi, l'abolizione delle tariffe minime per i professionisti, l'istituzione di otto nuovi tribunali per le imprese e l'obbligo di contratto per la cessione dei beni agricoli. Reintrodotto l'emendamento del Milleproroghe sulle assunzioni dei magistrati. Torna il notaio per le srl di under 35 ma senza spese. Previste anche disposizioni in materia di taxi e farmacie: i nuovi concorsi per aprire farmacie non prevederanno quote riservate e dovranno portare al raggiungimento dell'obiettivo di una farmacia ogni 3.300 abitanti; le farmacie potranno vendere confezioni di farmaci monodose.

La competenza sulle licenze dei taxi torna invece in capo ai comuni. Mentre viene esclusa dalle competenze della protezione civile la gestione dei grandi eventi.

Chi svolge funzioni di indirizzo, gestione e controllo nelle fondazioni non potrà infine sedersi allo stesso tempo negli organi di gestione e di controllo di società bancarie concorrenti della banca conferitaria.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«Siamo certamente partiti con il piede giusto». Carlos Tavares, amministratore delegato di Stellan...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«L’intervento del Pnrr si colloca nel solco degli sfidanti obiettivi definiti in sede europea e n...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Squadre di lavoro ad hoc per asili e i nuovi “ospedali di comunità”. Si avvia la fase operativa...

Oggi sulla stampa