Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Prelios Sgr punta alle rinnovabili

Prelios si prepara a una diversifcazione nelle rinnovabili con due nuovi fondi immobiliari per 150 milioni. Il gruppo del real estate, secondo quanto risulta a Il Sole 24 Ore, sarebbe pronto a chiudere un accordo con TerniEnergia e si starebbe preparando per gestire un altro fondo con asset italiani e capitali scandinavi.
La partnership con la società green quotata allo Star di Piazza Affari dovrebbe riguardare la creazione di un fondo che investirà in impianti per la produzione di energie rinnovabili raccogliendo inizialmente 50-100 milioni di euro. Al fondo di durata ventennale (“Renewable Assets” il nome più quotato) TerniEnergia conferirà impianti già in produzione per una ventina di milioni al netto dell’indebitamento (una settantina di milioni se si guarda al valore di mercato). Collocamento e gestione spetteranno Prelios Sgr, mentre il gruppo delle rinnovabili farà da supporto per la selezione di impianti da acquistare o realizzare, nel fotovoltaico e in settori contigui come le biomasse. Advisor per le operazioni di investimento e disinvestimento del fondo – che con una leva vicino all’80% sarà di tipo speculativo – dovrebbe essere Power Capital.
Il deal in un momento con rischi elevati per il real estate e rendimenti in discesa, punta a trovare asset che diano ritorni stabili nel tempo – l’Irr dovrebbe essere vicino al 12% – presentando un rischio contenuto con l’obiettivo di attrarre soggetti istituzionali interessati a flussi costanti nel lungo periodo. A questo riguardo alcuni fondi in Italia esistono già, ma per taglia e prospettive – l’operazione infatti potrebbe essere ripetuta in futuro – l’iniziativa di Prelios rappresenta un salto di qualità verso la diversificazione. Che, per il gruppo della Bicocca, dovrebbe passare anche dalla gestione del fondo Obton in fase di raccolta e basato su una piattaforma danese in cui sono rappresentati numerosi investitori scandinavi. Specializzato in impianti fotovoltaici (avrebbe già stipulato contratti per l’acquisizione di 5 parchi nel Sud Italia), il fondo ha anch’esso una durata ventennale e un target iniziale di investimento di circa 50 milioni di euro.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Generali, atto secondo. Francesco Gaetano Caltagirone, socio della compagnia al 5,6%, non molla sul ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Tre mesi per le riforme. Cruciali, delicatissimi, fondamentali. Un calendario denso che nelle intenz...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Bastano uno smartphone o una chiavetta usb per registrare conversazioni dal vivo o telefoniche e rac...

Oggi sulla stampa