Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Per i praticanti avvocati niente corso fino al 2020

Il corso obbligatorio per i praticanti avvocati slitta di due anni per riallinearsi alla proroga delle nuove modalità dell’esame di Stato. Dopo il via libera del Consiglio di Stato manca solo l’ufficialità della pubblicazione in «Gazzetta» per il decreto che rinvia di due anni i nuovi corsi. L’obbligo di frequentare le 180 ore di formazione successivo alla laurea scatterà il 31 marzo 2020. Dopo lo slittamento – sempre di due anni – del nuovo esame senza codici annotati, il ministero della Giustizia ha deciso di varare un decreto che modifica anche l’entrata in vigore dell’obbligo di formazione, spostandola appunto a due anni dal primo regolamento istitutivo dei corsi che cadono il 31 marzo 2020. Questa modifica ha ottenuto il 12 ottobre il via libera del Consiglio di Stato. Sulla carta, l’obbligo sarebbe già valido per i praticanti iscritti dal 28 settembre scorso, ma di fatto i corsi non erano ancora partiti.
In realtà l’obiettivo sembra più ambizioso: come scrive il Ministero l’intenzione è di «riconsiderare nel suo complesso la disciplina dell’accesso alla professione forense».

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Leonardo Del Vecchio stila la lista per il rinnovo del consiglio di amministrazione di Essilor Luxot...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Per capire la Ragioneria generale dello Stato bisogna aver visitato la sala di Via Venti Settembre d...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Riflettori puntati sulla cessione della quota (il 62,50%) di Banca Profilo, oggi all’interno del p...

Oggi sulla stampa