Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Popolari: tempi brevi da Bankitalia per l’ok alla Spa

«La tempistica non è definita ma sarà molto breve». Così il direttore generale della Bankitalia, Salvatore Rossi, ha commentato ieri riguardo la tempistica delle disposizioni attuative che la Banca d’Italia dovrà mettere a punto una volta che il decreto sulla trasformazione delle banche popolari in società per azioni sarà convertito in legge. Il termine per la conversione in legge del decreto scade il 25 marzo e da due giorni, dopo l’approvazione del testo alla Camera, è in corso il dibattito al Senato. Rossi ha ribadito che la motivazione principale della riforma sta nella necessità di favorire l’accesso al mercato dei capitali delle popolari. «Le aggregazioni non sono un fine, ma un mezzo. La finalità è rafforzare il patrimonio delle banche – ha commentato Rossi – le aggregazioni saranno espresse dal mercato, è il mercato che deve esprimere le forze per arrivare al consolidamento. Per noi la stella polare è la forza patrimoniale». Quella della forza patrimoniale, ha spiegato, è anche la chiave di lettura per capire l’introduzione di un limite temporaneo al 5% dei diritti di voto nelle future popolari-spa. Se infatti «immaginare di avere delle limitazioni al diritto di voto in questa fase di transizione in cui le grandi popolari abbandonano la forma cooperativa e transitano nella forma delle società per azioni può aiutare il processo», questa limitazione dovrebbe però essere fissata solo «in via temporanea».
Sulle aggregazioni tra banche popolari ieri è intervenuto anche l’ad del CreVal Miro Fiordi a margine del Forum Abi Lab. «Mi pare che si sia ancora in una fase molto di analisi – ha commentato il banchiere di Sondrio – noi non siamo centometristi, siamo montanari che hanno un passo cadenzato ed è quello che ci vuole per arrivare in vetta». Quanto alla trasformazione in Spa, Fiordi ha spiegato che c’è «tempo per ragionare rispetto al futuro, bisogna fare un pò di riflessione e di approfondimento. È un passo storico talmente importante che non bisogna sbagliare: se si ragiona un pò di più non sarà tempo perso».

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Meno vincoli della privacy per l’utilizzo delle nuove tecnologie in chiave antievasione. La deleg...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il green pass diventa obbligatorio per quasi 20 milioni di lavoratori. Da metà ottobre per acceder...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ha preso il via il digital tour di Imprese vincenti 2021, il programma di Intesa Sanpaolo per la va...

Oggi sulla stampa