Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Popolare Vicenza, possibili sanzioni

La crisi della Banca popolare di Vicenza è ormai un caso politico, che chiama in causa le istituzioni in un clima che annuncia tempesta. Il Tesoro, rispondendo alla Camera alle domande dell’opposizione irata – sponda M5s e Lega Nord – anticipa che «la Bce, quando avrà concluso l’iter ispettivo sulla banca, valuterà l’adozione di ulteriori azioni di vigilanza». Anche Consob potrebbe eccepire (pure se il danno ormai per i 117mila soci è fatto) sulla rettifica del 23% decisa per le azioni Bpvi, non quotate, in aprile. E non appena arriveranno sanzioni o altri provvedimenti (anche la procura locale ha un’inchiesta penale aperta) sarà inevitabile la pioggia di ricorsi e richieste danni. Forse anche un’azione di responsabilità della banca contro l’ex ad Samuele Sorato, estromesso in maggio con buonuscita milionaria – si dice oltre il doppio dei suoi 1,7 milioni di stipendio e ai due (ora ex) vice dg Emanuele Giustini e Andrea Piazzetta. Al tempo, però: fonti vicine al cda della Bpvi hanno detto che «tale argomento non è ancora stato oggetto di discussione in cda». Poi serve l’assenso assembleare per chiedere i danni all’ex dirigenza: e a Vicenza vige ancora il voto capitario. Il rilievo principale ai tre ex dirigenti, si presume, è lo stesso che ha contestato l’Eurotower rendendo necessario un altro aumento da 1,5 miliardi (previsto a primavera, tramite quotazione): il non aver stornato dal patrimonio i fondi ottenuti tramite prestiti della banca ai soci, per ben 975 milioni. «Tali azioni sono computabili nel patrimonio solo nel limite della quota non finanziata o man mano rimborsata dai soci», ha spiegato il sottosegretario Pier Paolo Baretta. Elio Lannutti, presidente di Adusbef che dal 2008 ha lanciato allarmi- ed esposti – su Bpvi, contesta la difesa delle istituzioni: «Nessuna risposta convincente del Mef, che svolge il ruolo di passacarte di Bankitalia, alle interrogazioni sullo scandalo della Vicenza, che produrrà richieste di risarcimenti danni dei soci frodati, nei confronti di Consob e Bankitalia».
Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Ultimo miglio con tensioni sul piano italiano per il Recovery Fund. Mentre la Confindustria denuncia...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Le diplomazie italo-francesi sono al lavoro con le istituzioni e con le aziende di cui Vivendi è un...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La tempesta del Covid è stata superata anche grazie alla ciambella di salvataggio del credito, ma o...

Oggi sulla stampa