Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Pop. Sondrio, utile a +33%

Banca popolare di Sondrio ha chiuso il primo trimestre con un utile netto di 29,502 milioni di euro, in crescita del 33,4% rispetto allo stesso periodo del 2016. Il margine di interesse è ammontato a 118 mln (-7,7%), il margine di intermediazione a 226 mln (+8,5%), il risultato netto della gestione finanziaria a 168 mln (+14,9% a/a).

La raccolta diretta da clientela è stata di 29,7 miliardi (+6%), quella indiretta di 29,1 mld (+10,3%), quella assicurativa di 1,2 mld (+7,6%) e quella complessiva di 60,1 mld (+8,1%).

I crediti verso clientela sono stati pari a 26,586 miliardi (+5,03% su fine 2016 e +10,95% su base annua). I crediti deteriorati netti sono ammontati a 2,37 mld (-0,54%) e costituiscono l’8,91% del totale dei crediti, con una copertura del 46,91% rispetto al 46,17% di dicembre. Nell’ambito dei crediti deteriorati, le sofferenze nette sono state pari a 780 milioni (+1,54%), mentre è diminuita l’incidenza sul totale crediti, passata al 2,93% dei crediti verso clientela rispetto al 3,03% di fine 2016. Il grado di copertura delle sofferenze è del 63,85% rispetto al 63,43% di dicembre. Il Cet1 Ratio, il Tier1 Ratio e il Total Capital Ratio si sono posizionati (in regime di Phased in) rispettivamente al 10,82, al 10,85 e al 13,13%.

Quanto alle prospettive per l’intero anno, il graduale miglioramento del quadro generale economico dovrebbe favorire una stabilizzazione dei mercati finanziari e un miglioramento nella qualità del credito. Nel complesso, l’istituto guidato dall’a.d. Mario Pedranzini nutre un cauto ottimismo sull’andamento dell’esercizio.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Intervista ad Alessandro Vandelli. L'uscita dopo 37 anni nel gruppo. I rapporti con gli azionisti Un...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

I gestori si stanno riorganizzando in funzione di una advisory evoluta che copra tutte le problemati...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Non far pagare alle aziende i contributi dei neo assunti per due anni. È la proposta di Alberto Bom...

Oggi sulla stampa