Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Pop.Sondrio, salgono margine d’interesse e commissioni

Banca popolare di Sondrio ha realizzato, nei primi nove mesi dell’anno, un utile netto di 78,4 milioni di euro, in calo del 30,2% rispetto allo stesso periodo del 2017. Il risultato sconta 25,9 milioni di oneri relativi alle contribuzioni al Fondo nazionale di risoluzione e a quello interbancario di tutela dei depositi. Il margine d’interesse è aumentato del 3,9% a 371,5 milioni, le commissioni nette sono salite del 2,9% a 228 milioni, mentre il margine d’intermediazione è sceso del 6,7% a 620,2 mln.L’istituto guidato dall’a.d. Mario Pedranzini ha operato rettifiche di valore sui crediti per complessivi 148 milioni, in riduzione dell’8,1%. I costi operativi sono saliti dell’8,2% a 378,4 milioni. Sul fronte della raccolta, quella diretta è scesa dell’1% a 31,312 miliardi, quella indiretta è migliorata del 2,9% a 30,978 mld e i finanziamenti verso clientela sono cresciuti dell’1% a 25,957 miliardi. Per quanto riguarda gli indicatori patrimoniali, il Cet1 phased-in è salito all’11,71% e il Total Capital è diminuito al 13,42%. Il Texas ratio si è invece rafforzato al 76,63%.

L’ingresso di Cassa di risparmio di Cento nel gruppo, ha sottolineato la popolare, può rappresentare «un’opportunità di crescita per entrambi gli istituti, garantendo una sostanziale creazione di valore pure attraverso l’implementazione di alcune leve strategiche già in massima parte individuate in sede di due diligence». Quanto alla prevedibile evoluzione, spiegano i dirigenti della Popolare di Sondrio, «ci attendiamo che il corrente esercizio si possa comunque concludere positivamente, soprattutto grazie alla buona resilienza fin qui dimostrata dal risultato conseguito dall’attività bancaria caratteristica, vale a dire margine di interesse e commissioni nette da servizi».

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Primo giorno di lavoro in proprio per Francesco Canzonieri, che ha lasciato Mediobanca dopo cinque a...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

 Un passo indietro per non sottoscrivere un accordo irricevibile dai sindacati. Sarebbe questo l’...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Doveva essere una Waterloo e invece è stata una Caporetto. Dopo cinque anni di cause tra Mediaset e...

Oggi sulla stampa