Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Polizze per notai con massimale a 150mila euro

L’assicurazione obbligatoria dei notai si sdoppia, per reggere l’aumento dei costi: dal 1° febbraio, ci saranno una polizza collettiva a carico del Consiglio nazionale del notariato e una singola stipulata direttamente dal singolo professionista. La prima dovrà coprire almeno 150mila euro per ciascun danno causato nell’esercizio dell’attività professionale. La seconda dovrà coprire per almeno 3 milioni di euro. Le cifre di questi massimali sono state stabilite dal Dm Giustizia emanato il 19 ottobre 2012, pubblicato l’altro ieri sera sulla Gazzetta Ufficiale.
Il decreto ministeriale è il tassello che completa la ridefinizione dell’assicurazione obbligatoria per la responsabilità professionale, imposta ai notai dal 2006 (Dlgs 182/06 sul riassetto normativo del notariato). La norma prevede che il Consiglio nazionale del notariato stipuli – con un’assicurazione scelta in una gara ad evidenza pubblica – una polizza collettiva, che deve coprire gli iscritti per tale responsabilità.
In origine, era previsto che la polizza fosse pagata direttamente dal Consiglio con risorse proprie. Ciò significa che il suo costo veniva poi incluso nella quota annuale d’iscrizione all’albo. Ultimamente, però, l’onere per il Consiglio si è rivelato eccessivo: l’andamento statistico dei danni (si è passati da 6-700 richieste annuali a circa 1.300) e dei relativi risarcimenti ha fatto molto lievitare il costo, che secondo le stime del Consiglio sarebbe passato dai 13,5 milioni di euro pagati per il triennio 2010-2012 ai 26 per il 2013-2016.
Di qui la decisione di mantenere una copertura collettiva minima, il cui massimale è stato fissato dal ministero in 150mila euro. Oltre questa soglia, opererà un’altra polizza obbligatoria, ma sottoscritta direttamente dal singolo notaio con la compagnia che ha vinto il bando del Consiglio (la Aig) o con un’altra di sua scelta; questa seconda copertura dovrà arrivare almeno a 3 milioni.
Queste cifre s’intendono per ogni sinistro e per ogni anno assicurativo, con retroattività illimitata e validità per dieci anni ulteriori quando il notaio cessa l’attività nell’anno considerato.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Un voluminoso dossier, quasi 100 pagine, per l’offerta sull’88% di Aspi. Il documento verrà ana...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La ripresa dell’economia americana è così vigorosa che resuscita una paura quasi dimenticata: l...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ancora prima che l’offerta di Cdp e dei fondi per l’88% di Autostrade per l’Italia arrivi sul ...

Oggi sulla stampa